Sidone

Definizione

Joshua J. Mark
da , tradotto da Giuseppe E. Bertagna
pubblicato il
X
translations icon
Disponibile in altre lingue: Inglese
Alexander Sarcophagus (detail) (by Carole Raddato, CC BY-SA)
Sarcofago di Alessandro (particolare)
Carole Raddato (CC BY-SA)

Sidone è il nome greco (che significa "pesca") dell'antica città portuale fenicia di Sidone (conosciuta anche come Saida) in quella che oggi è il Libano (situata a circa 25 miglia [ca. 40 km] a sud di Beirut). Insieme alla città di Tiro, Sidone era la più potente città-stato dell'antica Fenicia e per prima produceva il colorante porpora che rese famosa Tiro ed era così raro e costoso che la porpora divenne sinonimo di regalità. La zona di Sidone era abitata già nel 4000 AEC e Omero, nell'VIII secolo, nota l'abilità dei Sidoni nel produrre il vetro. La produzione del vetro ha reso Sidone ricca e famosa e la città era nota per essere molto cosmopolita e "progressista". La principessa Izebel, che più tardi sarebbe diventata regina d'Israele (come si legge nei libri biblici di I e II Re), era figlia del re di Sidone, Etbaal nel IX secolo AEC, e sposò il re Acab di Israele per cementare i legami tra i due regni. La città è menzionata più volte nella Bibbia e sia Gesù che San Paolo vi hanno fatto visita. Sidone è considerata la "sede" della civiltà fenicia in quanto la maggior parte delle navi che solcavano i mari e diffondevano la cultura fenicia furono varate dal porto di questa città. Sidone fu rovesciata durante la conquista della Fenicia da parte di Alessandro Magno nel 332 AEC e, come il resto della fratturata civiltà fenicia, fu infine assorbita da Roma e, infine, presa dagli Arabi musulmani .

Ricchezza Grazie al Commercio

La città di Sidone è cresciuta in ricchezza grazie al commercio marittimo. I Fenici erano noti per la loro abilità nella costruzione di navi e nella navigazione nell'ampia distesa del Mediterraneo. Scrive lo storico Richard Miles:

Rimuovi la pubblicità

Advertisement

Già nel terzo millennio AEC, i marinai della città fenicia di Biblo avevano sviluppato navi i cui scafi curvi erano in grado di affrontare le sfide del mare e le utilizzavano per trasportare carichi di legno di cedro in Egitto. Nei secoli successivi, Biblo e altri stati fenici come Sidone, Tiro, Adaros e Beirut si sono creati una nicchia importante per se stessi trasportando merci di lusso e materie prime sfuse dai mercati d'oltremare verso il Vicino Oriente. (28).

LA POPOLARITÀ DEL COMMERCIO FENICIO È ATTESTATA DAI MANUFATTI FABBRICATI A SIDONE CHE VANNO DALL'EGITTO ALLA GRAN BRETAGNA.

La popolarità del commercio fenicio è attestata dai manufatti prodotti a Sidone che vanno dall'Egitto, in tutta la Mesopotamia, a Roma e in Gran Bretagna. I Fenici sono stati indicati come "mediatori" della cultura a causa dell'espansione culturale che ha accompagnato il loro commercio. I beni di Sidone, in particolare, erano molto apprezzati e si pensa che gli Egiziani abbiano imparato la loro abilità nella fabbricazione della maiolica dai Sidoni. I vetrai di Sidone erano così abili che l'invenzione del vetro è stata attribuita a loro. La fabbricazione della tintura, in particolare la tintura purpurea fatta con i molluschi murex, produceva tessuti così costosi che solo la nobiltà poteva permettersi di acquistarli e questo, naturalmente, contribuiva enormemente alla ricchezza di Sidone. Questo colorante è ciò che ha dato ai Fenici il loro nome dai Greci, Phoinkes, che significa "il popolo rosso-porpora" e anche se sarebbe stata comunemente associata alla città di Tiro, la sua fabbricazione era originariamente a Sidone. Richard Miles afferma:

Rimuovi la pubblicità

Advertisement

I prodotti per i quali le città fenicie sarebbero diventate più rinomate erano abiti lussuosamente ricamati e tessuti tinti di rosso-porpora intenso. La loro qualità sarebbe stata riconosciuta nella letteratura antica, dalla Bibbia all'Odissea di Omero. Il colorante è stato ottenuto dalle ghiandole ipobranchiali di due specie di molluschi che proliferavano nella regione. Gli impianti per la produzione della tintura sono stati trovati dagli archeologi in alcune città fenicie. Sebbene la puzza che emanava dai molluschi in decomposizione fosse così forte che le fabbriche di tintura si trovavano proprio ai margini della città, la produzione era spesso su vasta scala, con il tumulo di conchiglie essiccate scartate a Sidone che misurava oltre 40 metri di altezza(30).

Lycian Sarcophagus, Sidon
Sarcofago della Licia, Sidone
Ali Kalamchi (Copyright)

Concorrenza con Tiro

La città fiorì come parte di una confederazione aperta di città-stato sparse lungo la costa della terra di Canaan. Sebbene condividessero "un'eredità linguistica, culturale e religiosa comune, la regione era molto raramente unita politicamente, con ogni città che operava come uno stato sovrano governato da un re o da una dinastia locale" (Miles, 26). Questo portò Sidone a competere con gli altri stati della Fenicia per il commercio e, soprattutto, con la città di Tiro. Nel X secolo AEC, l'equilibrio del potere si spostò a Tiro principalmente a causa della guida dei re di quella città, Abibaal e, dopo di lui, suo figlio Hiram. Tiro ha stretto accordi commerciali con il nuovo regno di Israele/Giuda e il suo re Davide. Questo accordo rese Tiro ricca e Sidone, cercando di competere, stipulò i suoi patti con il regno di Israele, compreso il matrimonio della principessa Sidoniana Izebel, figlia di Etbaal, con il re Acab di Israele (una storia famosa dalla Bibbia). L'insistenza di Izebel sul mantenimento della propria religione e della propria identità personale fu un affronto a diversi sudditi di Acab e, in particolare, al profeta Elia che la denunciò. Il dominio di Izebel e Acab è stato messo fine con un colpo di stato del generale Ieu e, con esso, gli accordi commerciali sidoni con Israele.

Votive Stele from Sidon
Stele votiva di Sidone
Osama Shukir Muhammed Amin (Copyright)

Alessandro Magno e il Declino di Sidone

Sidone fu conquistata da diverse nazioni, così come il resto della Fenicia, compresi i Siri e i Persiani e, infine, Alessandro Magno nel 332 AEC. Avendo sentito parlare delle gesta di Alessandro e della sua campagna per rovesciare Dario dell'Impero persiano, i Sidoni si arresero a lui senza combattere. Lo storico Worthington scrive: "Il popolo di Sidone arrivò persino a deporre il suo re, Stratone II, perché era amico di Dario" (105). Dopo la morte di Alessandro, Sidone e il resto della Fenicia caddero sotto il dominio di uno dei suoi generali e successori, Seleuco I, fondatore della dinastia seléucida. La regione della Fenicia, compresa naturalmente Sidone, divenne sempre più ellenizzata durante il regno di Seleuco e lo rimase anche dopo il 64 AEC, quando il generale romano Pompeo annesse la regione all'Impero Romano. Quando l'impero si divise, Sidone divenne parte della metà orientale che alla fine divenne l'Impero Bizantino. Terremoti e altri disastri naturali, così come la peste, decimarono la regione tra il 395 EC circa e il VII secolo EC quando la città fu conquistata dagli Arabi musulmani.

Rimuovi la pubblicità

Advertisement

Info traduttore

Giuseppe E. Bertagna
Owner of the translation agency GEB Traduzioni which provides services in localization and translation of various languages.

Info autore

Joshua J. Mark
Scrittore freelance ed ex Professore part-time di Filosofia presso il Marist College (New York), Joshua J. Mark ha vissuto in Grecia ed in Germania ed ha viaggiato in Egitto. Ha insegnato storia, scrittura, letteratura, e filosofia all'università.

Cita questo lavoro

Stile APA

Mark, J. J. (2009, settembre 02). Sidone [Sidon]. (G. E. Bertagna, Traduttore). World History Encyclopedia. Estratto da https://www.worldhistory.org/trans/it/1-501/sidone/

Stile CHICAGO

Mark, Joshua J.. "Sidone." Tradotto da Giuseppe E. Bertagna. World History Encyclopedia. Modificato il settembre 02, 2009. https://www.worldhistory.org/trans/it/1-501/sidone/.

Stile MLA

Mark, Joshua J.. "Sidone." Tradotto da Giuseppe E. Bertagna. World History Encyclopedia. World History Encyclopedia, 02 set 2009. Web. 09 ago 2022.