Grotta di Lascaux

Definizione

Emma Groeneveld
da , tradotto da Babeth Étiève-Cartwright
pubblicato il
Disponibile in altre lingue: Inglese, Francese, Portoghese, Spagnolo, Turco
X
Painting of a Horse, Lascaux Cave (by Sevela.p, Public Domain)
Dipinto di un cavallo, grotta di Lascaux
Sevela.p (Public Domain)

La Grotta di Lascaux (o grotte di Lascaux) è una grotta paleolitica situata nel sud-ovest della Francia, vicino al villaggio di Montignac, nella regione della Dordogna, che ospita alcuni dei più famosi esempi di pitture rupestri preistoriche. Circa 600 pitture - per lo più animali - punteggiano le pareti interne della grotta in affascinanti composizioni. I cavalli sono i più numerosi, ma si trovano anche cervi, uri, stambecchi, bisonti e persino alcuni felini. Oltre a questi dipinti, che rappresentano la maggior parte delle immagini principali, ci sono anche circa 1.400 incisioni di ordine simile. L'arte, datata tra il 17.000 e il 15.000 a.C. circa, rientra nel Paleolitico superiore e fu stata creata da mani chiaramente esperte di esseri umani che vivevano nell'area in quel periodo. La regione sembra essere un punto caldo; vi sono state scoperte molte grotte splendidamente decorate. L'esatto significato delle pitture di Lascaux o di altri siti è ancora oggetto di discussione, ma l'opinione prevalente attribuisce loro una componente rituale o addirittura spirituale, suggerendo la raffinatezza dei loro creatori. Lascaux è stata inserita nella lista dei siti Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO nel 1979, insieme ad altri siti preistorici nelle sue vicinanze.

La scoperta

Il 12 settembre 1940 quattro ragazzi esaminarono la buca di volpe in cui era caduto il loro cane sulla collina di Lascaux. Dopo aver allargato l'ingresso, Marcel Ravidat fu il primo a scivolare fino in fondo e i suoi tre amici lo seguirono. Dopo aver costruito una lampada di fortuna per illuminare il loro cammino, trovarono una varietà di animali più ampia del previsto; nella Galleria Assiale incontrarono per la prima volta le raffigurazioni sulle pareti. Il giorno seguente tornarono, questa volta con una migliore preparazione, ed esplorarono le parti più profonde della grotta. I ragazzi, stupiti da ciò che avevano trovato, lo raccontarono al loro insegnante, dopodiché fu avviato il processo di scavo della grotta. Nel 1948 la grotta era pronta per essere aperta al pubblico.

Occupazione da parte degli esseri umani

All'epoca in cui la grotta di Lascaux fu decorata (tra il 17.000 e il 15.000 a.C. circa), gli esseri umani anatomicamente moderni (homo sapiens) erano già ben presenti in Europa da un bel po' di tempo, almeno dal 40.000 a.C.. In base ai dati archeologici, sembra che fossero abbondantemente presenti nella regione tra la Francia sudorientale e i monti Cantabrici, nel nord della Spagna, di cui fa parte Lascaux. La grotta stessa mostra solo un'occupazione temporanea, probabilmente legata alle attività di creazione dell'arte. Tuttavia, è possibile che i primi due metri del vestibolo d'ingresso della grotta - lo spazio che la luce del giorno poteva ancora raggiungere - siano stati abitati.

L'ARTE A LASCAUX È STATA DIPINTA E INCISA SULLE PARETI IRREGOLARI DELLA GROTTA, GLI ARTISTI SFRUTTANDO I BORDI E LE CURVE DELLE PARETI PER MIGLIORARE LE LORO COMPOSIZIONI.

Dai reperti provenienti dalla grotta, sappiamo che le parti più profonde della grotta erano illuminate da lampade in arenaria che utilizzavano grasso animale come combustibile, oltre che da caminetti. Qui gli artisti lavoravano in condizioni che dovevano essere molto fumose, utilizzando i minerali come pigmenti per le loro immagini. I colori predominanti sono il rosso, il giallo e il nero. Il rosso era fornito dall'ematite, grezza o presente nell'argilla rossa e nell'ocra; il giallo dagli ossidrossidi di ferro; il nero dal carbone o dagli ossidi di manganese. I pigmenti potevano essere preparati mediante macinazione, miscelazione o riscaldamento, dopodiché venivano trasferiti sulle pareti delle grotte. Le tecniche pittoriche comprendono il disegno con le dita o con il carboncino, l'applicazione del pigmento con "pennelli" fatti di capelli o di muschio e il soffiaggio del pigmento su uno stencil o direttamente sulla parete, ad esempio con un osso cavo.

Il problema è che non esistono depositi noti degli specifici ossidi di manganese trovati a Lascaux nell'area circostante la grotta. La fonte più vicina conosciuta si trova a circa 250 chilometri di distanza, nei Pirenei centrali, il che potrebbe far pensare a una via commerciale o di approvvigionamento. Non era raro che gli esseri umani dell'epoca si rifornissero di materiali un po' più lontano, a decine di chilometri di distanza, ma la distanza in questione potrebbe indicare che gli artisti di Lascaux si impegnarono al massimo.

Cave Painting in Lascaux
Pittura rupestre a Lascaux
Prof saxx (CC BY-NC-SA)

Oltre alle pitture, a Lascaux sono stati ritrovati molti strumenti. Tra questi, molti strumenti in selce, alcuni dei quali mostrano segni di utilizzo specifico per incidere le pareti. Erano presenti anche strumenti in osso. I pigmenti utilizzati a Lascaux contengono tracce di corna di renna, introdotte probabilmente perché le corna venivano intagliate proprio accanto ai pigmenti o perché venivano utilizzate per mescolare i pigmenti all'acqua. I resti di conchiglie di crostacei, alcune delle quali forate, si collegano bene ad altre prove di ornamento personale trovate tra gli esseri umani che vivevano in Europa durante il Paleolitico superiore.

L'arte

L'arte di Lascaux è stata dipinta e incisa sulle pareti irregolari della grotta, gli artisti sfruttando i bordi e le curve delle pareti per migliorare le loro composizioni. Le impressionanti rappresentazioni che ne derivano raffigurano principalmente animali, ma anche una quantità significativa di simboli astratti e persino un essere umano. Tra gli animali, i cavalli dominano l'immaginario, seguiti da cervi e uri, quindi stambecchi e bisonti. Sono presenti anche alcuni carnivori, come leoni e orsi. La documentazione archeologica dell'area mostra che gli animali raffigurati riflettono la fauna conosciuta da questi uomini del Paleolitico.

L'ingresso della grotta conduce lontano dalla luce del giorno e direttamente nella camera principale della grotta, la Sala dei Tori. Questo spazio, opportunamente chiamato, contiene per lo più uri, un tipo di bestiame di grandi dimensioni ormai estinto. In una danza circolare, quattro grandi tori sovrastano cavalli e cervi in fuga; il rilievo delle pareti serve a enfatizzare alcune parti dei dipinti. Gli animali sono raffigurati di lato, ma con le corna girate, il che conferisce ai dipinti una vivacità indicativa di grande abilità. Finora questi animali sono facilmente identificabili, ma altri sono meno chiari. Si veda, ad esempio, una cavalla apparentemente incinta con quello che sembra un solo corno sulla testa. Un'altra figura misteriosa è raffigurata con pelle di pantera, coda di cervo, gobba di bisonte, due corna e un membro maschile. I creativi hanno ipotizzato che si tratti di uno stregone o di un mago, ma è difficile stabilire cosa rappresenti realmente.

Wounded Bull, Man & Bird, Lascaux Cave
Toro ferito, uomo e uccello, grotta di Lascaux
Peter80 (CC BY-SA)

Oltre la Sala dei Tori si trova la Galleria Assiale, un passaggio senza uscita, ma spettacolare. È stata soprannominata la "Cappella Sistina della Preistoria", poiché il suo soffitto ospita diverse composizioni di grande effetto. Gli uri rossi stanno in piedi con le teste che formano un cerchio, mentre le figure principali della Galleria stanno l'una di fronte all'altra: un possente toro nero da un lato, una femmina di uro dall'altro, che sembra saltare su una sorta di reticolo che è stato disegnato sotto i suoi zoccoli. Ci sono cavalli di varie forme, tra cui uno noto come "cavallo cinese", con gli zoccoli raffigurati leggermente all'indietro, a dimostrazione di un uso della prospettiva molto in anticipo sui tempi. Verso la parte posteriore del passaggio, un cavallo galoppa con la criniera al vento, mentre il suo compagno cade a gambe all'aria.

Una seconda uscita dalla Sala dei Tori conduce al Passaggio, che ospita soprattutto incisioni ma anche alcuni dipinti di una grande varietà di animali. Nella navata, seguendo il passaggio, spiccano per la loro forza selvaggia un grande toro nero e due bisonti che sembrano fuggire. Di fronte, un fregio mostra cinque cervi che sembrano nuotare. Dopo la Nave, la Camera dei Felini presenta alcuni predatori con incisioni di leoni che dominano la stanza. In un altro ramo della grotta, la stanza detta del Pozzo aggiunge altro materiale di discussione. Qui, oltre al bisonte ferito con gli intestini che fuoriescono dal suo corpo, si trovano un rinoceronte lanoso, un uccello su quello che potrebbe essere un bastone e un uomo nudo con un membro eretto. Questa immagine racconta chiaramente una storia, anche se è difficile stabilire con certezza quale possa essere.

Lascaux II Cave Today
La grotta di Lascaux II oggi
Bayes Ahmed (CC BY)

La grotta oggi

La grotta originale è stata chiusa al pubblico nel 1963 dopo che è emerso che i numerosi visitatori causavano, tra l'altro, la crescita di alghe sulle pareti della grotta, provocando danni irreparabili alle pitture. Nonostante la chiusura, i funghi si sono diffusi all'interno della grotta e gli sforzi per controllare questi problemi e proteggere l'arte sono in corso. Chi cerca un'esperienza alternativa può visitare Lascaux II, una replica della Grande Sala dei Tori e delle sezioni della Galleria Dipinta, inaugurata nel 1983 e situata a soli 200 metri dalla grotta originale.

Domande e risposte

Per cosa sono famose le Grotte di Lascaux?

Le Grotte di Lascaux sono famose per le loro pitture rupestri preistoriche, datate tra il 17.000 e il 15.000 a.C. circa. Si tratta di circa 600 dipinti, per lo più di animali, come cavalli, cervi, uri, stambecchi, bisonti e persino alcuni felini.

Quanto sono antiche le pitture rupestri di Lascaux?

Le pitture delle Grotte di Lascaux risalgono al periodo compreso tra il 17.000 e il 15.000 a.C. circa, nel Paleolitico superiore. Quindi hanno almeno 17.000 anni.

Chi ha scoperto la grotta di Lascaux?

Il 12 settembre 1940 quattro ragazzi esaminarono la buca di volpe in cui era caduto il loro cane sulla collina di Lascaux. Dopo aver allargato l'ingresso, Marcel Ravidat fu il primo a scivolare fino in fondo, seguito dai suoi tre amici.

Bibliografia

World History Encyclopedia è un associato Amazon e guadagna una commissione sugli acquisti di libri qualificati.

Info traduttore

Babeth Étiève-Cartwright
Marco, diplomato in management arte cultura e comunicazione presso l'Università L. Bocconi, sta per ottenere una Laurea Magistrale in Beni archeologici, artistici e del paesaggio: storia, tutela e valorizzazione presso Ravenna (Unibo)

Info autore

Emma Groeneveld
Emma Groeneveld studied History & Ancient History, focusing on topics such as Herodotus and the juicy politics of ancient courts. Since the conclusion of her studies in 2015, she has been spending more and more time on her obsession with prehistory.

Cita questo lavoro

Stile APA

Groeneveld, E. (2016, settembre 06). Grotta di Lascaux [Lascaux Cave]. (B. Étiève-Cartwright, Traduttore). World History Encyclopedia. Estratto da https://www.worldhistory.org/trans/it/1-15133/grotta-di-lascaux/

Stile CHICAGO

Groeneveld, Emma. "Grotta di Lascaux." Tradotto da Babeth Étiève-Cartwright. World History Encyclopedia. Modificato il settembre 06, 2016. https://www.worldhistory.org/trans/it/1-15133/grotta-di-lascaux/.

Stile MLA

Groeneveld, Emma. "Grotta di Lascaux." Tradotto da Babeth Étiève-Cartwright. World History Encyclopedia. World History Encyclopedia, 06 set 2016. Web. 22 giu 2024.