Vitellio

Definizione

Donald L. Wasson
da , tradotto da Babeth Étiève-Cartwright
pubblicato il
X
translations icon
Disponibile in altre lingue: Inglese, Francese, Spagnolo, Turco
Roman Emperor Vitellius (by F.Tronchin, CC BY-NC-SA)
Imperatore romano Vitellio
F.Tronchin (CC BY-NC-SA)

Vitellio fu imperatore romano dall'aprile al dicembre del 69 d.C. Vitellio fu il terzo dei quattro imperatori che governarono l'Impero romano nel 69 d.C.. Uno dei suoi predecessori, Galba, che aveva sostituito il decaduto imperatore Nerone, fu assassinato dalla Guardia Pretoriana per non aver mantenuto le promesse fatte a coloro che lo avevano messo al potere. L'imperatore Otone, successore di Galba, si suicidò prima che le imponenti armate di Vitellio raggiungessero Roma. Aveva scelto di sacrificare la propria vita invece di quella dei suoi uomini. Vitellio, come i due precedenti occupanti del trono, non sarebbe rimasto al potere a lungo.

Aulo Vitellio nacque nel settembre del 14 d.C. (c'è qualche conflitto sulla data esatta). Era figlio di Lucio Vitellio, console ed ex governatore della Siria, e di una nobile donna, Sestilia. Lo storico Svetonio, nel suo "Le vite dei dodici Cesari", scrive che ci sono storie contrastanti sulla sua famiglia, forse nobile, forse no. Sebbene accusato di alto tradimento (cosa non rara nell'Impero a quei tempi), Lucio ricevette comunque un funerale pubblico e una statua nei pressi dei Rostri. Vitellio trascorse la maggior parte della sua giovinezza sull'Isola di Capri con l'imperatore Tiberio, in esilio autoimposto. In seguito, si guadagnò il favore di tre diversi imperatori: Caligola (per le sue corse con le bighe), Claudio (per il suo gioco di dadi) e infine Nerone (che apprezzava entrambi i talenti). In occasione di molti eventi pubblici, Vitellio spesso convinceva Nerone a cantare e a suonare il liuto, cosa che Nerone raramente rifiutava. Vitellio si fece rapidamente strada tra le varie cariche pubbliche, diventando infine ministro dei Lavori pubblici e governatore generale dell'Africa. Si sposò due volte: con Petronia, dalla quale ebbe un figlio (che fu poi avvelenato, forse da Vitellio) e con Galeria Fundana, dalla quale ebbe un figlio e una figlia.

Rimuovi la pubblicità
Advertisement
Molti a Roma consideravano il nuovo imperatore crudele. Svetonio dice che avrebbe ucciso o torturato al "minimo pretesto".

Nel corso della sua carriera pubblica, Vitellio si distinse per due vizi: la gola e il gioco d'azzardo; entrambi avrebbero giocato un ruolo fondamentale nel suo futuro. Nonostante la mancanza di esperienza militare, l'imperatore Galba prese una decisione impopolare e lo nominò governatore della Germania inferiore nel 68 d.C. Riteneva che i vizi di Vitellio gli avrebbero impedito di essere una minaccia per il suo potere. Scrive Svetonio: ".... goloso era il tipo di rivale che egli [cioè Galba] temeva di meno, e si aspettava che Vitellio si riempisse la pancia con i frutti della provincia". Gli eserciti della Germania inferiore, tuttavia, avevano una visione diversa del nuovo governatore generale: lo accolsero con favore. Avevano poco affetto per Galba, rifiutandosi persino di riconoscerlo come nuovo imperatore, e Galba aveva poco amore per loro. La Germania inferiore non aveva partecipato al rovesciamento di Nerone da parte di Galba, non beneficiando quindi dei vantaggi economici che ne erano derivati.

L'esercito di Roma che aveva sostenuto il nuovo imperatore divenne presto scontento di lui. Gran parte del denaro raccolto da Galba con i tributi e le confische di terre non veniva speso per le truppe, ma veniva tenuto per sé. Non sentiva più alcuna lealtà verso coloro che lo avevano messo sul trono. Troverà la morte, tuttavia, per mano della Guardia. Alla morte di Galba, molti erano favorevoli a mettere Vitellio sul trono; tuttavia, Otone, ex governatore della Lusitania, fu nominato imperatore (soprattutto a causa del suo ruolo nell'assassinio di Galba). Secondo Svetonio, molti nell'esercito della Germania Inferiore giurarono di sostenere Vitellio, preferendolo a Otone perché "aveva concesso ogni favore che gli era stato chiesto".

Rimuovi la pubblicità
Advertisement

Una volta salito al trono, Otone ritenne che non ci fosse bisogno di temere Vitellio: la lite del governatore generale era stata con Galba, il quale era morto. Secondo Svetonio, Vitellio, invece, la pensava diversamente. Quando Vitellio seppe della morte di Galba, divise il suo esercito in due reparti separati: uno andò in Gallia e l'altro andò a incontrare Otone a nord di Roma. Secondo Tacito, "per la maggior parte dei Romani la scelta tra Otone e Vitellio sembrava essere semplicemente uno dei due mali. Erano gli eserciti a decidere, e gli eserciti della Germania... erano troppo per i pretoriani di Otone e l'esercito d'Italia". Nonostante gli appelli di Otone, i due eserciti si incontrarono nella prima battaglia di Bedriacum, il 16 aprile 69 d.C.. Fu in quel giorno che Otone si suicidò. Sebbene non fosse presente alla battaglia, Vitellio fu immediatamente proclamato nuovo imperatore e la notizia gli giunse in Gallia.

The Year of the Four Emperors, 69 CE
L'anno dei quattro imperatori, 69 d.C.
Simeon Netchev (CC BY-NC-SA)

Prima di assumere il governo della Germania, Vitellio aveva accumulato un enorme debito (conseguenza del suo vizio del gioco). La sua posizione di imperatore gli offrì l'opportunità di liberarsi di questo enorme debito. Svetonio disse: "Tutti gli usurai, gli esattori delle tasse e i commercianti che gli avevano fatto credito a Roma, o che avevano preteso un pagamento rapido per beni e servizi sulla strada, non è certo che abbia mostrato pietà in un solo caso".

Rimuovi la pubblicità
Advertisement

Molti a Roma consideravano il nuovo imperatore crudele. Svetonio dice che avrebbe ucciso o torturato al "minimo pretesto". Lo storico Cassio Dione scrisse nella sua Storia romana: "Vitellio, dedito com'era al lusso e alla licenziosità, non si curava più di nient'altro né di umano né di divino... Ora, quando si trovava in una posizione di così grande autorità, la sua dissolutezza non faceva che aumentare, e sperperava denaro per la maggior parte del giorno e della notte". Quando gli giunse la notizia della diminuzione della sua popolarità tra molti membri dell'esercito, Vitellio divenne più generoso sia in pubblico che in privato, sperando di mantenere la fedeltà delle truppe. Svetonio scrive: "Quando le cose cominciarono a mettersi male per lui, cominciò a mostrare misericordia".

Molti di coloro che avevano sostenuto Vitellio in precedenza cominciarono a giurare fedeltà a Tito Falvio Vespasiano, governatore della Giudea. Quando un tentativo di trattato fallì (Vitellio sperava di salvarsi da una morte sicura), gli eserciti dei due si incontrarono nella seconda battaglia di Bedriacum; gli uomini di Vitellio furono sonoramente sconfitti. L'imperatore, presto detronizzato, cercò di fuggire da Roma sotto mentite spoglie; tuttavia, fu catturato dagli uomini di Vespasiano e, mentre implorava per la sua vita, fu trascinato per le strade, torturato, ucciso (20 dicembre 69 d.C.) e gettato nel Tevere. Immediatamente, Vespasiano fu nominato nuovo imperatore. Vitellio aveva cinquantasei anni e aveva governato per soli otto mesi.

Bibliografia

  • Cassius Dio. Roman History.
  • Kerrigan, M. A Dark History: The Roman Emperors. Metro Books, 2011
  • Morgan, G. 69 AD: The Year of the Four Emperors. Oxford University Press, 2006
  • Suetonius. The Twelve Caesars.
  • Tacitus. On Britain and Germany.

Info traduttore

Babeth Étiève-Cartwright
Marco, diplomato in management arte cultura e comunicazione presso l'Università L. Bocconi, sta per ottenere una Laurea Magistrale in Beni archeologici, artistici e del paesaggio: storia, tutela e valorizzazione presso Ravenna (Unibo)

Info autore

Donald L. Wasson
Donald insegna Storia antica, medievale e Storia degli Stati Uniti al Lincoln College di Normal, Illinois. È sempre stato (e sempre sarà) uno studioso di storia, sin da quando incontrò per la prima volta la figura di Alessandro Magno. Il suo desiderio è quello di trasmettere tale conoscenza ai suoi studenti.

Cita questo lavoro

Stile APA

Wasson, D. L. (2012, ottobre 18). Vitellio [Vitellius]. (B. Étiève-Cartwright, Traduttore). World History Encyclopedia. Estratto da https://www.worldhistory.org/trans/it/1-10435/vitellio/

Stile CHICAGO

Wasson, Donald L.. "Vitellio." Tradotto da Babeth Étiève-Cartwright. World History Encyclopedia. Modificato il ottobre 18, 2012. https://www.worldhistory.org/trans/it/1-10435/vitellio/.

Stile MLA

Wasson, Donald L.. "Vitellio." Tradotto da Babeth Étiève-Cartwright. World History Encyclopedia. World History Encyclopedia, 18 ott 2012. Web. 15 apr 2024.