Impero portoghese

Costi del server Raccolta fondi 2024

Aiuta la nostra missione di fornire un'educazione storica gratuita al mondo! Fate una donazione e contribuite a coprire i costi del nostro server nel 2024. Con il vostro sostegno, ogni mese milioni di persone imparano la storia in modo completamente gratuito.
$3389 / $18000

Definizione

Mark Cartwright
da , tradotto da Giovanni De Simone
pubblicato il
Disponibile in altre lingue: Inglese, Cinese, Francese, Portoghese, Spagnolo, Urdu
X
Portuguese Carrack (by Sebastião Lópes, Public Domain)
Caracca portoghese
Sebastião Lópes (Public Domain)

L'Impero portoghese fu istituito nel XV secolo e al suo apice si estendeva dalle Americhe al Giappone. Era formato da molti centri commerciali costieri dotati di fortificazioni difensive, ma comprendeva anche territori coloniali più grandi come il Brasile, l'Angola e il Mozambico. Gli europei bianchi dominavano il commercio, la politica e la società. Tuttavia, nelle colonie ci fu anche una significativa mescolanza delle etnie: in molti posti, persone dalle origini miste arrivarono a posizioni di ricchezza e potere.

I portoghesi fondarono le basi per il loro impero cercando una via d'accesso all'oro dell'Africa occidentale e al commercio delle spezie in oriente. Inoltre, si sperava che in Asia ci fossero stati cristiani che sarebbero potuti diventare utili alleati nelle battaglie in corso tra la cristianità e i califfati islamici. Altre motivazioni alla base della costruzione di un impero erano la ricerca di nuove terre per l'agricoltura, il conseguimento di ricchezze e gloria per gli avventurieri coloniali e le ambizioni dei missionari.

Con le loro caracche, i portoghesi crearono una rete marittima che collegava Lisbona alle sue colonie a ovest e con l’Estado da India ("Stato dell'India"), che era il nome con cui era conosciuto l'impero a est del Capo di Buona Speranza. Merci come oro, avorio, seta, la porcellana Ming e le spezie venivano trasportate e vendute in tutto il mondo. Un altro grande commercio era quello degli schiavi, che venivano presi dall'Africa occidentale e meridionale e usati come forza lavoro nelle piantagioni delle isole dell'Atlantico del nord e nelle Americhe.

Le colonie principali

Le colonie più importanti dell'Impero portoghese erano:

  • Madeira (fondata nel 1420)
  • Le Azzorre (1439)
  • Capo Verde (1462)
  • São Tomé e Principe (1486)
  • Cochin, in India (1503)
  • Mozambico (1506)
  • Goa, in India (1510)
  • Malacca, in Malaysia (1511)
  • Hormuz, nel Golfo Persico (1515)
  • Colombo, nello Sri Lanka (1518)
  • Brasile (1532)
  • Macao, nel mar Cinese Meridionale (1557)
  • Nagasaki, in Giappone (1571)
  • Angola (1571)

Le isole del nord Atlantico

I lusitani erano marinai intrepidi. Appare del tutto appropriato quindi che le loro prime colonie siano state delle isole relativamente distanti. I marinai salparono alla volta dello sconosciuto medio Atlantico alla ricerca di nuove terre e risorse per far fronte alla carenza di grano che c'era in Portogallo. I navigatori portoghesi furono in grado di organizzare queste spedizioni grazie alla presenza di ricchi e potenti sostenitori, come il principe Enrico il Navigatore (alias Infante Dom Henrique, 1394-1460). Altri incommensurabili vantaggi furono l'innovativa concezione delle navi e l'uso della vela latina triangolare.

Portuguese Colonial Empire in the Age of Exploration
Impero coloniale portoghese nell'Età delle scoperte
Simeon Netchev (CC BY-NC-ND)

Il primo gruppo d'isole a essere colonizzato fu il disabitato arcipelago vulcanico di Madeira. A causa della fertilità del suolo, del clima mite e delle abbondanti piogge, le isole vennero utilizzate per la coltivazione del grano, della vite e della canna da zucchero. Sotto molti aspetti, la colonizzazione portoghese di Madeira impostò il modello che in seguito fu copiato in tutte le altre colonie. La Corona suddivise le isole e assegnò le cosiddette "capitanerie" (donatarias) come parte di un sistema feudale pensato per incoraggiare i nobili allo sviluppo dell'agricoltura e del commercio. La Corona mantenne la proprietà generale, ma ad ogni capitano (donatario) furono concessi determinati privilegi finanziari e giudiziari. Costoro, a loro volta, davano piccoli appezzamenti di terra (semarias) da coltivare ai loro seguaci. Questi ultimi dovevano ripulire il terreno e iniziare la coltivazione entro un certo numero di anni. Molte volte, le capitanerie divennero cariche ereditarie. I coloni erano attratti dalla speranza di una vita migliore. Tuttavia, c'erano (e ci sarebbero stati in tutte le colonie future) altri immigrati meno apprezzati. Si trattava degli indesiderabili (degregados), soggetti sgraditi alle autorità in Portogallo. Prigionieri, mendicanti, prostitute ravvedute, orfani, ebrei e dissidenti religiosi venivano trasportati forzatamente nelle colonie.

SÃO TOMÉ & PRINCIPE DIVENNE UN CENTRO NEVRALGICO DELLA TRATTA ATLANTICA, DA CUI SI TRASPORTAVANO SCHIAVI AFRICANI IN EUROPA E NELLE AMERICHE.

Madeira divenne un modello coloniale anche per le piantagioni di canna da zucchero, create a partire dal 1455. Il successo di questa coltura e la grande manodopera richiesta portarono all'importazione di schiavi dall'Africa occidentale. Il sistema delle piantagioni basato sulla manodopera schiavizzata divenne una parte importante dell'economia del Nuovo Mondo e gettò le basi del terribile traffico di esseri umani che fu la tratta atlantica degli schiavi.

Seguendo lo stesso schema, dopo Madeira, i portoghesi colonizzarono le Azzorre e le isole di Capo Verde. Tutte queste colonie divennero scali d'inestimabile valore per le imbarcazioni che andavano dall'India alle Americhe. Ai lusitani non mancavano certo rivali per la corsa alle colonie. Portogallo e Spagna, infatti, si scontrarono per il possesso della Canarie. Con il trattato di Alcáçovas-Toledo del 1479-1480 e quello di Tordesillas del 1494 si stabilirono due sfere d'influenza che, arrogantemente, abbracciavano il mondo intero. Successivamente, la vaghezza di questi accordi causò altri problemi, come ad esempio i diritti sulle future scoperte portoghesi in Africa e quelle spagnole oltre le Canarie, riguardanti i territori dei Caraibi e delle Americhe.

Ribeira Grande, Santiago, Cape Verde
Città di Ribeira Grande, Santiago, nelle isole di Cape Verde
Caspar Schmalkalden (Public Domain)

Le isole dell'Atlantico settentrionale permisero alla Corona portoghese di ottenere un accesso diretto all'Africa occidentale evitando gli stati islamici del nord Africa. Il passaggio di Capo Bojador era stato un ostacolo significativo, che sembrava impedire alle navi di navigare verso sud e poi fare ritorno in Europa. Il possesso delle isole nell'Atlantico consentì ai portoghesi di trovare una soluzione, grazie alla creazione di un'audace rotta che passava lontano dalle coste africane e permetteva di utilizzare al meglio i venti, le correnti e le zone di alta pressione. I marinai lusitani adesso potevano navigare verso sud in tutta sicurezza e il risultato finale fu l'apertura della via verso l'Asia per le navi europee.

L'Africa occidentale e la schiavitù

I portoghesi, desiderosi di entrare nel commercio di oro e sale dell'Africa occidentale, costruirono molti insediamenti commerciali fortificati lungo la costa meridionale del moderno Ghana, come quello di Elmina nel 1482. Tuttavia, a causa delle malattie tropicali, della mancanza di manodopera e della riluttanza dei governanti locali all'esportazione di schiavi maschi, i profitti, almeno inizialmente, furono limitati. I capi africani desideravano ottenere armi da fuoco, ma i portoghesi erano contrari. Le isole di São Tomé e Principe, al largo della costa meridionale dell'Africa occidentale, furono al centro di una strategia più efficace. Vennero colonizzate a partire dal 1486. Le due isole furono fortemente coinvolte nella tratta degli schiavi. Come nel nord Atlantico, fu adottato il modello di sviluppo della capitaneria.

Ai coloni di queste isole fu permesso di commerciare con le comunità dell'Africa occidentale ed ebbero più successo rispetto ai tentativi di qualche decennio prima. I portoghesi fondarono insediamenti commerciali sul continente verso sud fino a Luanda (moderno Angola), per avvantaggiarsi del ben organizzato commercio africano, che si basava sul trasferimento dei beni dall'interno verso la costa utilizzando i grandi fiumi (come il Gambia e il Senegal). Venivano acquistati oro, avorio, pepe, gomma e pigmenti per la colorazione delle stoffe. Gli schiavi (donne e uomini) venivano acquistati dai regni del Congo e del Benin, i cui sovrani erano avidi di beni provenienti dall'Europa come tessuti di cotone, specchi, coltelli e perline di vetro. Le isole fungevano da punto di raccolta degli schiavi e come stazioni di rifornimento. Il tasso di mortalità durante il trasporto era del 20%, mentre il tasso di mortalità complessivo dal momento della cattura fino all'arrivo alla destinazione finale era del 50%. La tratta atlantica terminò nella metà del XVIII secolo, ma si continuò a importare gli schiavi fino alla proibizione nel 1908. Gli schiavi vennero rimpiazzati da lavoratori africani che dovevano essere rimpatriati dopo un certo numero di anni, ma le loro condizioni di vita non erano molto diverse da quelle che avevano sofferto i loro predecessori.

Colonial Sugar Cane Manufacturing
Lavorazione della canna da zucchero nelle colonie
Unknown Artist (Public Domain)

I tentativi di procedere a conquiste territoriali nell'Africa occidentale furono scarsi perché il commercio era fiorente e gli europei non possedevano le capacità militari per mettere in atto una simile politica. Alcuni insediamenti erano fortificati, ma di solito questo avveniva con il benestare del capo tribù locale. Gli europei e gli africani ricollocati sulle isole come quelle di Capo Verde si sposarono tra loro, creando una cultura afro-portoghese con una forte influenza africana in campo artistico e religioso. Molto spesso erano questi individui liberi di razza mista (i mulatti), originari di Capo Verde, che si stabilivano nelle stazioni commerciali lungo le coste africane.

Ci furono tentativi per tagliare fuori i capi africani e acquisire gli schiavi direttamente dalle zone interne, ma questo atteggiamento inasprì le relazioni con il Congo. La situazione peggiorò ulteriormente a seguito della reazione contro l'operato dei missionari cristiani, poiché le lealtà tribali e le tradizionali attività culturali vennero meno. Gli europei furono costretti a spostarsi ancora più a sud lungo la costa della regione dello Ndongo, dove le loro interferenze causarono una serie di guerre nell'area che presto sarebbe diventata l'Angola portoghese.

L’ Africa orientale

Quando nel 1498 Vasco da Gama (1469-1524) circumnavigò il Capo di Buona Speranza ed entrò nell'oceano Indiano, di colpo i portoghesi ottennero l'accesso a un circuito commerciale completamente nuovo, che coinvolgeva africani, indiani e arabi. Tutto ciò andava avanti da secoli, ma quando arrivarono i portoghesi il commercio divenne violento. A causa della superiorità delle loro imbarcazioni e dei cannoni, i portoghesi surclassarono le navi rivali. Gli equipaggi furono arrestati o uccisi e i loro carichi confiscati. Il fatto che la maggior parte dei commercianti fossero musulmani fu una motivazione in più per gli europei, ancora imbevuti di una mentalità da crociati.

Gli attacchi portoghesi alle città commerciali indipendenti lungo la costa Swahili e al regno di Mutapa, situato verso sud nell'entroterra, non portarono loro benefici tangibili perché i mercanti semplicemente si spostarono a nord o li evitavano. Quando i portoghesi presero il controllo e fortificarono Malindi, Mombasa, Pemba, Sofala e Kilwa, si resero conto che avevano già perso i partner commerciali che queste città-stato vantavano. In seguito, arrivarono gli arabi dell'Oman dal Golfo Persico. Con l'obiettivo di mantenere le loro rotte commerciali nel Mar Rosso e di ristabilire le antiche reti di scambi, gli omaniti mossero verso la costa Swahili e conquistarono molte città, inclusa la Mombasa portoghese nel 1698. La mancanza di successi in Africa orientale alla fine spinse i portoghesi a sud verso il Mozambico, ma erano già totalmente assorbiti dal potenziale della scoperta di una nuova area del mondo: l'India.

Traditional Dhow Sailing Vessel
Il Dhow, tradizionale imbarcazione a vela
Alessandro Capurso (CC BY-NC-ND)

L'India e le spezie

Uno degli obiettivi principali di Vasco da Gama era quello di trovare una rotta marittima verso l'Asia che permettesse al Portogallo di avere un accesso diretto al redditizio commercio delle spezie. Beni come pepe, zenzero, chiodi di garofano, noce moscata e cannella raggiungevano prezzi elevati sui mercati, dall'Inghilterra alla Cina. Infatti, quando raggiunse la costa indiana di Malabar, vi trovò in corso un ricchissimo commercio. La città di Calicut (odierna Kozhikode) si dimostrò ostile. Tuttavia, i portoghesi continuarono con le loro spedizioni e la grande rivale di Calicut, Cochin (Kochi) sembrava avere un atteggiamento più promettente. I portoghesi raggiunsero un accordo con il governo locale. Costruirono una fortezza nel 1503 e vi si stabilirono per fare grandi affari. Sfortunatamente, avevano un grande problema: quasi nessuno era interessato alle merci di provenienza europea. Di conseguenza, usarono la stessa strategia adottata lungo la costa Swahili. Si servirono della superiorità delle navi e dei cannoni per assumere con la forza il controllo del commercio nell'oceano Indiano e stabilire il monopolio sul traffico delle spezie. Si impadronirono di altre città costiere, in particolare di Goa, che sostituì Cochin come capitale dell'Estado da India nel 1530.

A Goa risiedeva il viceré portoghese, che era in cima alla piramide di potere che si era creata dopo aver conseguito l'obiettivo primario di controllare i commerci. Il viceré era il governatore civile e militare dell'India portoghese e rispondeva solo al re del Portogallo. A Lisbona il Consiglio dei Territori d'Oltremare (conselho ultramarino) consigliava il monarca sugli affari delle colonie oltreoceano, mentre la Casa d'India (Casa da India) era l'ente reale che gestiva tutte le comunicazioni e i commerci con l'Asia.

A Goa e in molte altre colonie c'era un consiglio (camara) che decideva dei problemi locali, ad esempio la tassazione. Gli affari religiosi erano appannaggio degli arcivescovi e dei vescovi. Gli ordini religiosi più importanti, in particolare i gesuiti, fondarono chiese, monasteri, conventi e ospedali. Le ramificazioni della fratellanza della Misericordia (Santa Casa da Misericórdia) offrirono servizi essenziali di assistenza sociale ai poveri. Le questioni legali ricadevano sotto la responsabilità del Tribunale supremo di Goa e dei tribunali locali presenti in ciascuna colonia. A livello locale, le forze militari erano guidate da un capitano, che di solito risiedeva in un forte. Un agente era responsabile dei monopoli reali e della riscossione dei dazi doganali applicati a tutti gli altri commerci. Questo era il sistema applicato nella maggior parte delle colonie.

Cathedral of Santa Caterina, Goa
Cattedrale di Santa Caterina a Goa
Ondřej Žváček (CC BY-SA)

I portoghesi tentarono seriamente di stabilire un monopolio sul commercio delle spezie sia tra l'Asia e l'Europa sia all'interno della stessa Asia. I mari non erano più liberi. I mercanti senza licenza venivano arrestati o giustiziati. Alcuni porti avevano un accesso limitato e le navi dovevano esibire un lasciapassare rilasciato dai portoghesi (cartaz). Spesso le imbarcazioni erano costrette a viaggiare protette da convogli portoghesi. I dazi doganali venivano applicati nei porti e costituivano circa il 60% di tutte le entrate portoghesi in oriente. Nonostante ciò, molti commercianti semplicemente evitavano gli europei, mentre alcune città organizzarono una resistenza armata. L'impero era semplicemente troppo grande e gli uomini troppo pochi per sorvegliare anche solo una piccola parte dei commerci, diffusi in tutta l'Asia. Man mano che l'impero si consolidava, queste considerazioni pratiche portarono i portoghesi ad allentare la loro mania di monopolizzare i commerci.

L'Estremo Oriente

Un'altra strategia portoghese per controllare i commerci fu quella di andare direttamente alla fonte delle preziose spezie. Molte di esse provenivano da un piccolo gruppo d'isole indonesiane, le Isole delle Spezie (le isole Maluku, le cosiddette Molucche). Dalle Molucche venivano trasportate via nave in direzione dell'oceano Indiano o del mar Cinese Meridionale, passando in ogni caso per lo stretto di Malacca, lungo le coste sud-occidentali della penisola della Malaysia, da cui si controlla lo stretto. Una flotta portoghese guidata da Alfonso di Albuquerque (1453-1515) conquistò Malacca nel 1511. Dai loro insediamenti informali a Timor, nel 1512 acquisirono il legno di sandalo.

I portoghesi volevano a tutti i costi accedere al redditizio mercato della seta cinese e così fondarono una colonia a Macao, situata su una penisola nel delta del Fiume delle Perle, nella Cina meridionale, vicino Canton (odierna Guangzhou). Allo stesso modo, sulla costa nord-occidentale delle isole Kyushu, in Giappone, fondarono una colonia a Nagasaki intorno al 1571, ottenendo l'accesso ai mercati giapponesi, soprattutto quello dell'argento. Cariche di merci, le navi portoghesi andavano regolarmente avanti indietro tra Lisbona, Goa, Malacca, Macao e Nagasaki, la loro colonia più orientale. I giapponesi espulsero tutti gli stranieri dalla loro nazione nel 1639, come parte di una politica isolazionista permanente e come reazione alla diffusione del cristianesimo. Nagasaki dovette dunque essere abbandonata.

Portuguese Traders by Japanese Painters
Mercanti portoghesi raffigurati da pittori giapponesi
Unknown Artist (Public Domain)

Il Brasile

Il Brasile fu "scoperto" dai portoghesi nel 1500 e sarebbe diventato la più importante di tutte le loro colonie. Il Brasile era ricco di risorse naturali, tra cui legno massiccio, diamanti e oro (proveniente dalla regione di Minas Gerais). Venne adottato il sistema delle capitanerie e São Vicente divenne il primo insediamento portoghese nel 1532. Il primo governatore del Brasile fu nominato nel 1549 e il territorio divenne così una colonia ufficiale della Corona. La capitale fu Salvador de Bahia (sostituita da Rio de Janeiro nel 1763). Nel 1572 fu nominato un viceré.

Il sistema coloniale delle piantagioni, dove lavoravano amerindi e successivamente schiavi africani, fu adottato su scala maggiore che altrove. Il Brasile divenne il principale produttore mondiale di zucchero e di tabacco. Solamente nel primo quarto del XVII secolo, furono trasportati attraverso l'Atlantico, dall'Africa al Sud America, 150.000 schiavi africani. L'abolizione della tratta degli schiavi nel 1853 da parte del Brasile indipendente pose finalmente fine a questo commercio transatlantico.

Un'altra macchia della colonizzazione, oltre alla schiavitù, fu il trattamento riservato agli amerindi Tupi-Guarani, i cui villaggi e la loro cultura vennero sistematicamente distrutti. Furono costretti a fuggire nelle aree più interne della foresta pluviale. Bisognò attendere il 1755 affinché gli amerindi fossero riconosciuti pienamente come liberi sudditi della Corona portoghese.

Come altrove, anche in Brasile la società era multi-stratificata. Gli europei avevano lo status più elevato, che veniva esibito attraverso abiti stravaganti e dal numero di servi, schiavi e uomini armati che si possedevano. Nella gerarchia coloniale, dopo di loro venivano gli europei nati nelle colonie e gli individui di etnia mista (si tenga conto del fatto che c'erano pochissime donne provenienti dalla madrepatria). Grande importanza era data all’appartenenza alla nobiltà, al clero e all'esercito. Al di sotto di queste classi c'erano tutti gli altri. Si teneva in grande considerazione anche se un individuo fosse sposato oppure no. Nelle colonie erano presenti anche europei di passaggio, come ad esempio i mercanti, nonché commercianti locali provenienti dalle regioni interne. La popolazione locale, di gran lunga la maggioranza in ogni colonia, aveva le proprie gerarchie sociali. Un discrimine importante per i nativi era la conversione al cristianesimo. Al fondo della società coloniale c'erano gli schiavi.

Slave Women, Brazil
Brasile: donne in schiavitù
Carlos Julião (Public Domain)

L’Africa meridionale

La regione dell'Angola fu colonizzata dai portoghesi a partire dal 1571. Fu la prima colonia territoriale in Africa (in contrasto a semplici città-stato o insediamenti costieri). Il regno di Ndongo (fondato circa nel 1500) collassò, ma non prima di essere stato sfruttato come alleato contro il Congo, a nord. Gli europei avevano il vantaggio delle armi da fuoco: fu così che iniziò la prima conquista territoriale del Portogallo. Era un nefasto presagio di quello che sarebbe successo in tutta l'Africa nei secoli successivi.

Ancora una volta, in Angola i coloni portoghesi si mescolarono con gli abitanti del posto e diedero vita a una popolazione meticcia conosciuta come Luso-africani. I coloni e i loro discendenti, stanziati a Luanda e in pochi altri insediamenti lungo la costa, lottarono per affermare il controllo sull'interno dell'Angola dove il nuovo regno di Matamba era in ascesa. Questo portò ad un secolo di combattimenti, periodo conosciuto come Guerre dell'Angola. La colonia si rivelò una delusione per il Portogallo. Le fantomatiche miniere d'argento nell'interno si rivelarono essere solo una leggenda, le risorse erano limitate e le speranze di diffondere il cristianesimo si dimostrarono troppo ambiziose. Alcuni coloni privati e commercianti prosperarono e furono costoro che assicurarono il proseguimento del principale affare della colonia: il commercio degli schiavi. Sul finire del XVI secolo, circa 10.000 schiavi all'anno venivano trasportati sulle navi da Luanda direttamente in Brasile o in altre parti delle Americhe. Le comunità angolane, già provate dal vaiolo e altre malattie portate dagli europei, furono devastate dalla tratta.

Dall'altro lato dell'Africa meridionale, i portoghesi avevano creato un'altra grande colonia territoriale: il Mozambico (che adottò il nome di Africa Orientale Portoghese nel XIX secolo). I primi coloni arrivarono sull'isola di Mozambico nel 1506 e vi istituirono una capitaneria. Il Mozambico non era ricco di oro come sperato, tuttavia c'erano avorio e schiavi. Il Mozambico divenne parte dell'Estado da India dal 1571 al 1752 e le caracche portoghesi commerciavano direttamente con Goa come parte della rotta conosciuta come la carreira da India ("il percorso dell'India"). Nell’interno, fu sviluppato un sistema noto come prazo, dove i capi africani concedevano terra e diritti commerciali e tributari a portoghesi e afro-portoghesi, che ricevevano una nomina poi formalmente riconosciuta dalla Corona. In cambio, l'incaricato (muzungo) doveva garantire la giustizia nel suo territorio, supervisionare i rituali tradizionali e approvare i capi dei villaggi più piccoli all'interno della sua giurisdizione. Per mantenere la loro posizione, i muzungos avevano un esercito privato di servitori (i chicunda) che poteva arrivare a diverse migliaia di africani. Nel 1637 c'erano almeno 80 prazos e molti di loro agivano indipendentemente a causa della debole amministrazione portoghese nella capitale Maputo.

Island of Mozambique
Isola di Mozambico
Stig Nygaard (CC BY)

La Corona portoghese lasciò allora che la colonia fosse sfruttata da compagnie private come la Compagnia del Mozambico e la Compagnia di Niassa. La mancanza di un'amministrazione centrale e il successo dei britannici in Africa meridionale mise fine al sogno di unire le due colonie dell'Angola e del Mozambico.

Declino, decolonizzazione ed eredità

Oltre alla sempre presente minaccia dei governanti locali, i portoghesi dovettero fronteggiare la feroce competizione delle altre potenze marittime europee che iniziarono presto a guardare con invidia al loro impero. I concorrenti furono allettati dalla mancanza di manutenzione dei forti e dal generale isolamento delle città costiere, che non avevano nessun supporto da parte della popolazione locale. I corsari inglesi e francesi non aspettavano altro che le navi porteghesi fossero in alto mare per assaltarle. Ironicamente, un'altra grande minaccia venne sotto forma di un esploratore portoghese, Ferdinando Magellano (c. 1480-1521) che, al servizio della Spagna tra il 1519 e il 1522, navigò intorno alla punta meridionale del Sud America e aprì una rotta marittima attraverso l'Oceano Pacifico verso l'Asia orientale. La spedizione alla fine circumnavigò il globo, ma il risultato cruciale fu l'accesso al commercio delle spezie. Le altre potenze europee seguirono la scia di Magellano e, improvvisamente, i portoghesi non avevano più alcuna speranza di ottenere un monopolio commerciale in Oriente.

La minaccia più consistente ed estesa ai territori portoghesi venne dagli olandesi, che nel primo decennio del XVII secolo attaccarono il Mozambico, poi Macao nel 1622 e 1626 e l'Angola nel 1641. Negli anni Venti e Trenta del 1600 gli olandesi attaccarono e occuparono alcune parti nel nord del Brasile. Conquistarono Malacca nel 1641, Colombo nel 1656 e Cochin nel 1663. La Gran Bretagna rappresentava un'altra crescente minaccia e aiutò gli arabi a riprendere Hormuz nel 1622.

Nel XVIII secolo i portoghesi furono costretti a concedere in Brasile diritti commerciali molto favorevoli alla Gran Bretagna, alla Francia e all'Olanda, che avevano raggiunto una potenza marittima superiore. I britannici occuparono persino Goa dal 1799 al 1815. Altre minacce erano di tipo interno. In Brasile la popolazione voleva uguali diritti per tutti i cittadini e ottennero l'indipendenza nel 1822. Nominarono Pedro I (r. 1822-1831) come loro re e primo Imperatore del Brasile. Pedro era il figlio di João VI di Portogallo (r. 1816-1826) e i due paesi in seguito mantennero stretti legami.

São Francisco Church, Cidade Velha
Chiesa di San Francesco a Cidade Velha
Nice Marinho (CC BY-SA)

Nel XX secolo, i portoghesi persero molte delle loro colonie o a favore di potenze rivali o per guerre intestine. Di quelle rimaste, Madeira e le Azzorre divennero regioni autonome del Portogallo e Goa entrò a far parte dell'India nel 1962. Il governo portoghese, allora guidato dalla dittatura militare di António de Oliveira Salazar (1932-1968), non si rese conto della futilità di combattere i movimenti indipendentisti africani. Questo causò guerre sanguinose sia in Angola che in Mozambico. Le isole di Capo Verde, São Tomé e Principe, Timor est, l'Angola e il Mozambico ottennero l'indipendenza nel 1975. Macao ritornò alla Cina nel 1999.

l'Impero coloniale portoghese causò molti disastri alle popolazioni indigene: schiavitù, guerre, distruzione delle reti commerciali, la fine delle tradizionali attività culturali, deforestazione e malattie (solo per citarne alcuni). Altre conseguenze sono la continua prevalenza della lingua portoghese e della religione cattolica in molte parti del mondo ancora oggi. I portoghesi furono anche responsabili per la diffusione di flora e fauna in tutto il mondo, a volte con effetti disastrosi sugli ecosistemi locali ma altre volte con notevoli successi, come nel caso della coltivazione della manioca, del mais e della canna da zucchero, che divennero comuni in località del tutto nuove. Alla fine, i portoghesi hanno costruito il primo impero globale trans-continentale, anche se era piuttosto instabile e disunito. La loro più importante eredità, forse, è quella spiacevole di aver fatto realizzare alle altre potenze europee le possibilità dell'imperialismo. Queste ultime, infatti, iniziarono a sfruttare popolazioni in tutto il mondo in misura ancora maggiore. Il colonialismo divenne non solo una mera questione di controllo dei commerci, ma di controllo del territorio, delle risorse e dei popoli.

Domande e risposte

Quali paesi comprendeva l'Impero portoghese?

L'Impero portoghese controllava le Azzorre, Capo Verde e São Tomé e Principe lungo le coste dell'Africa; Cochin, Goa e Colombo nel subcontinente indiano; Macao e Nagasaki in Asia orientale; il Mozambico e l'Angola in Africa e infine il Brasile.

Qual era la differenza tra l'Impero spagnolo e quello portoghese?

La differenza tra l'Impero portoghese e quello spagnolo è che gli spagnoli conquistarono grandi estensioni di terra, mentre i portoghesi preferirono controllare solo i maggiori porti commerciali.

Perché l'Impero portoghese è caduto?

L'Impero portoghese è caduto perché era molto difficile controllare un grande impero sparso per tutto il globo. Inoltre, ci fu una grande competizione da parte di altri stati europei più ricchi e potenti come Olanda, Inghilterra e Francia, che a loro volta volevano crearsi il proprio impero.

Bibliografia

World History Encyclopedia è un associato Amazon e guadagna una commissione sugli acquisti di libri qualificati.

Info traduttore

Giovanni De Simone
Ho conseguito la laurea in Lingue e Mediazione Culturale con il massimo dei voti presso l'Università di L'Aquila. Ho una grande passione per la storia e sono convinto che l'attività di traduzione possa arricchire la conoscenza di ciascuno di noi.

Info autore

Mark Cartwright
Mark è ricercatore, storico e scrittore. Formatosi in filosofia politica, si interessa di arte, architettura e di storia globale delle idee. È direttore editoriale della World History Encyclopedia.

Cita questo lavoro

Stile APA

Cartwright, M. (2021, luglio 19). Impero portoghese [Portuguese Empire]. (G. D. Simone, Traduttore). World History Encyclopedia. Estratto da https://www.worldhistory.org/trans/it/1-19821/impero-portoghese/

Stile CHICAGO

Cartwright, Mark. "Impero portoghese." Tradotto da Giovanni De Simone. World History Encyclopedia. Modificato il luglio 19, 2021. https://www.worldhistory.org/trans/it/1-19821/impero-portoghese/.

Stile MLA

Cartwright, Mark. "Impero portoghese." Tradotto da Giovanni De Simone. World History Encyclopedia. World History Encyclopedia, 19 lug 2021. Web. 22 lug 2024.