Le Dodici Tavole

Definizione

Mark Cartwright
da , tradotto da Aurora Alario
pubblicato il
X
translations icon
Disponibile in altre lingue: Inglese, Francese, Spagnolo, Turco
Roman Politicians (by The Creative Assembly, Copyright)
Politici romani.
The Creative Assembly (Copyright)

Le Dodici Tavole (o Legge delle Dodici Tavole) consistevano in un insieme di leggi iscritte su 12 tavole di bronzo redatte nell'antica Roma tra il 451 e 450 a.C.. Rappresentavano l'inizio di un nuovo approccio normativo, le leggi venivano, da quel momento, approvate dal governo e scritte in modo tale che tutti i cittadini venissero trattati in modo paritario.

Anche se forse non si trattava di un sistema completamente codificato, le Dodici Tavole rappresentarono il primo passo che avrebbe permesso di tutelare i diritti di tutti i cittadini e di porre rimedio ai torti subiti tramite leggi scritte e conosciute da tutti. Di conseguenza, l'approccio romano al diritto sarebbe diventato il modello seguito da molte civiltà successive fino ai giorni nostri.

Rimuovi la pubblicità
Advertisement

Creazione delle Dodici Tavole

Secondo la tradizione, nel 451 a.C. un comitato, i decemviri, sollecitato dall'opinione pubblica, venne incaricato di comporre un codice giuridico che rappresentasse meglio gli interessi della gente comune (plebe) e riducesse l'indebita influenza sul diritto romano esercitata da aristocratici (patrizi) e sacerdoti (pontifices); questi ultimi partecipavano esclusivamente ad un consiglio che interpretava la legge a proprio piacimento. Per prepararsi a una tale responsabilità, una delegazione di tre uomini venne inviata ad Atene, dove studiò le leggi del celebre legislatore Solone (640 - 560 a.C. circa). Dieci uomini, tutti patrizi, in seguito, ricevettero il potere consolare (imperium) e poterono redigere un elenco delle leggi che ritenevano utili e necessarie.

Quanto descritto è una visione tradizionale degli eventi, anche se, più realisticamente, la composizione delle Tavole fu un tentativo dell'élite di gestirsi meglio e di prevenire abusi all'interno del proprio gruppo sociale. In ogni caso, il risultato fu un elenco di leggi scritte (legibus scribundis) presentate su dieci tavole, a cui se ne aggiunsero, l'anno successivo, altre due per un totale di dodici. Le leggi divennero, di conseguenza, statutarie, ovvero venivano emanate solo dopo essere state approvate da un organo legislativo, di conseguenza non si basavano più su semplici consuetudini e tradizioni.

Rimuovi la pubblicità
Advertisement

The Roman Laws of the Twelve Tables, c. 449 BCE
Leggi romane delle Dodici Tavole, 449 a.C.
Simeon Netchev (CC BY-NC-SA)

Le leggi delle Dodici Tavole

L'esatta ragione per cui le Tavole vennero redatte potrebbe essersi persa nella notte dei tempi, tuttavia, una volta elaborate il contenuto venne costantemente citato nelle opere romane scritte successivamente. Le tavole stesse, purtroppo, non sono giunte fino a noi, distrutte, secondo la tradizione, quando Roma venne saccheggiata dai Galli nel 390 a.C.. Da alcuni frammenti rinvenuti e dai riferimenti bibliografici è possibile individuare quantomeno alcune specificità.

Le Dodici Tavole erano un elenco di leggi che coprivano la maggior parte delle aree del diritto privato e si concentravano sulle relazioni tra i singoli cittadini.

L'elenco delle leggi sembra aver coperto la maggior parte delle aree del diritto privato, con particolare attenzione alle relazioni tra individui (non più soltanto rapporti tra individui e Stato o ai diritti dei non cittadini) e di conseguenza si tratta più di un elenco di azioni civili e sanzioni piuttosto che di un codice di leggi completo e onnicomprensivo. In gran parte, l'elenco si occupava, inoltre, di aree rilevanti per uno Stato agricolo, ad esempio, il reato di incendio doloso era punibile con la pena di morte (poena capitis), nello specifico con il rogo. Anche l'utilizzo di magia sulle colture era un reato punibile con la morte, in tal caso con una forma di crocifissione. Pene minori per i danni alla proprietà erano l'esilio da Roma, la perdita della cittadinanza e, in caso di complicità in un crimine, la confisca dei beni. Si poteva anche patteggiare pagando un risarcimento al querelante ed evitando così il tribunale.

Rimuovi la pubblicità
Advertisement

Altre aree coperte erano quelle procedurali, come lo ius vocation, ovvero una citazione privata. Se un querelante comunicava all'accusato di voler intentare una causa contro di lui, l'accusato aveva l'obbligo, se necessario costretto con la forza, di comparire davanti a un magistrato. Anche il diritto di famiglia faceva parte delle Dodici Tavole, prevalentemente con regole in materia di matrimonio, custodia, eredità e funerali.

Emendamenti

I problemi di applicazione pratica divennero presto evidenti nel momento in cui alcuni patrizi rifiutarono di sottomettersi alle norme previste dalle Dodici Tavole. Anche la gente comune fu sorpresa nel venire a conoscenza, per la prima volta, di molte delle norme già in vigore e che fino a quel momento non erano state rese così trasparenti. Tali fattori portarono alla rivolta della plebe nel 449 a.C. e alle dimissioni forzate dei decemviri. La costituzione romana venne rivista, le istituzioni dei tribuni e dei consoli furono ripristinate. Le Dodici Tavole divennero la base del diritto romano ed esposte nel Foro di Roma per essere viste da tutti i cittadini; Cicerone ricorda che gli studenti le consultavano come parte della propria istruzione.

Oltre a questi problemi iniziali, alcune leggi specifiche delle tavole originali non durarono a lungo, come la norma che proibiva il matrimonio tra patrizi e plebei; tale legge venne cancellata nel 445 a.C. con la promulgazione della lex Canuleia. Altre leggi delle Dodici Tavole furono modificate nel corso del tempo e, a partire dal III secolo a.C., vennero costantemente sostituite da leggi più pertinenti all'evoluzione della società romana e alla straordinaria espansione della Repubblica.

Rimuovi la pubblicità
Advertisement

Eredità

Sebbene alcuni studiosi insistano sul fatto che per le Dodici Tavole non fossero proprio "tutti uguali di fronte alla legge" come sostiene la tradizione e che, da sole, non fossero sufficienti per essere definite un codice giuridico completo, contribuirono indiscutibilmente a gettare le basi per quello che sarebbe diventato un sistema di diritto pienamente codificato nel mondo romano. Ai decemviri va riconosciuto anche il merito di aver creato leggi di valore pratico, separate da qualsiasi considerazione religiosa, visibili a tutti e delineate in un linguaggio preciso con definizioni esplicite. In questo modo, i Romani crearono un approccio alle questioni legali che da allora sarebbe stato emulato da innumerevoli altre società e governi.

Domande e risposte

Quali erano le leggi delle Dodici Tavole?

Le leggi delle Dodici Tavole erano un insieme di leggi iscritte su 12 tavole di bronzo create nell'antica Roma tra il 451 e il 450 a.C.. Delle tavolette non restano che dei frammenti e quindi non si sa con certezza quali fossero tutte le leggi.

Cosa c'è di significativo nelle Dodici Tavole?

Le Dodici Tavole furono un primo passo verso un sistema giuridico completamente codificato (in contrapposizione alle leggi basate solo sulla tradizione) che proteggeva i diritti di tutti i cittadini e permetteva di riparare ai torti subiti. La formulazione precisa delle leggi fu un'innovazione che sarebbe stata copiata in molti codici legali successivi.

Chi ha scritto le Dodici Tavole?

Le leggi delle Dodici Tavole vennero scritte da un comitato di dieci esperti legali, i decemviri.

Chi ha tratto beneficio dalle Dodici Tavole?

Le Dodici Tavole furono concepite per risolvere le controversie tra i membri dell'aristocrazia romana, ma andarono anche a vantaggio della gente comune (plebe), che poteva ora fare riferimento a leggi scritte e ridurre l'influenza indebita di aristocratici (patrizi) e sacerdoti (pontifices).

Bibliografia

World History Encyclopedia è un associato Amazon e guadagna una commissione sugli acquisti di libri qualificati.

Info traduttore

Aurora Alario
Sono una traduttrice freelance. Mi sono laureata in Mediazione Linguistica presso il SSML Centro Masterly di Palermo, dove ho studiato interpretariato e traduzione per le lingue inglese e francese. Mi interessa la storia e subisco il fascino della cultura indiana. Sono appassionata di informatica, musica e lingue, ovviamente.

Info autore

Mark Cartwright
Mark è ricercatore, storico e scrittore. Formatosi in filosofia politica, si interessa di arte, architettura e di storia globale delle idee. È direttore editoriale della World History Encyclopedia.

Cita questo lavoro

Stile APA

Cartwright, M. (2016, aprile 11). Le Dodici Tavole [Twelve Tables]. (A. Alario, Traduttore). World History Encyclopedia. Estratto da https://www.worldhistory.org/trans/it/1-14540/le-dodici-tavole/

Stile CHICAGO

Cartwright, Mark. "Le Dodici Tavole." Tradotto da Aurora Alario. World History Encyclopedia. Modificato il aprile 11, 2016. https://www.worldhistory.org/trans/it/1-14540/le-dodici-tavole/.

Stile MLA

Cartwright, Mark. "Le Dodici Tavole." Tradotto da Aurora Alario. World History Encyclopedia. World History Encyclopedia, 11 apr 2016. Web. 27 feb 2024.