Medicina Romana

Definizione

Mark Cartwright
da , tradotto da Babeth Étiève-Cartwright
pubblicato il
X
translations icon
Disponibile in altre lingue: Inglese, Francese, Portoghese, Spagnolo, Turco
Fresco with Wounded Aeneas (by Carole Raddato, CC BY-SA)
Affresco di Enea ferito
Carole Raddato (CC BY-SA)

La medicina romana fu molto influenzata dalla medicina e dalla letteratura greca precedente, ma avrebbe anche dato il suo contributo unico alla storia della medicina attraverso il lavoro di esperti famosi come Galeno e Celso. Mentre l'esercito romano disponeva di medici professionisti, per il resto della popolazione la medicina rimaneva un affare privato. Tuttavia, molte grandi famiglie romane avevano un specialista in medicina tra il loro personale e, con la diffusione della letteratura sull'argomento, l'accesso alle conoscenze mediche divenne sempre più ampio, i trattamenti divennero più noti e la chirurgia più sofisticata.

Fonti

Senza dubbio la fonte più ricca disponibile è la letteratura che i Romani dedicarono specificamente al tema della medicina. Molti testi di medicina sono andati perduti, ma alcuni di essi, scritti di alcuni dei maggiori esperti di medicina dell'epoca romana, sono sopravvissuti perché erano sufficientemente popolari, sia ai loro tempi sia nei secoli successivi, tanto da essere copiati a mano molte volte, aumentando così le possibilità di sopravvivenza dall'antichità. Anche i registri degli ospedali militari (valetuduniaria) possono fornire informazioni sui disturbi che i medici di campo (medici) e i loro assistenti (capsarii) dovevano affrontare. Tra questi vi erano ovviamente i feriti (volnerati), ma anche i malati (aegri) e coloro che avevano problemi agli occhi (lippientes). A partire dal II secolo d.C. esistevano anche opere illustrate che mostravano con precisione quali piante ed erbe erano adatte a determinati problemi medici.

Rimuovi la pubblicità
Advertisement

Un'altra fonte di informazioni sulla medicina antica sono le tombe, ad esempio una tomba in un cimitero di Roma di una levatrice di successo, una certa Scribonia Attice, ha placche decorative in terracotta che mostrano scene mediche come un parto in cui il paziente si siede su una sedia appositamente progettata in cui il bambino può cadere attraverso il sedile durante il parto. La sedia è leggermente inclinata all'indietro, ha maniglie da impugnare e un sedile forato. Tali rilievi possono anche mostrare strumenti medici (instrumentaria) come bisturi, sonde e uncini, ma centinaia di questi sono sopravvissuti, tipicamente scavati dai siti di ospedali in campi militari, cimiteri e siti come Pompei. Forcipi, pinzette, divaricatori di ferite, coppe di raccolta, aghi e bisturi di varie dimensioni, spesso splendidamente realizzati con lame in acciaio, sono sopravvissuti per illustrare i dettagli della medicina romana.

I RIMEDI ERANO UN MIX TRA ESOTICO E QUOTIDIANO, DALLO ZAFFERANO AL CAVOLO.

Influenza greca

Nel II secolo a.C. i medici greci erano ben radicati a Roma, ma le prime testimonianze dell'influenza della medicina greca sulla pratica medica romana risalgono a molto prima. La prima testimonianza di questo processo è la costruzione del tempio di Apollo Medico a Roma nel 431 a.C., in risposta alle devastanti pestilenze che stavano colpendo l'Italia in quel periodo, in quanto ad Apollo veniva attribuito un potere di guarigione. Per le stesse ragioni, Asclepio (Esculapio) fu adottato nel 292 a.C. dai Romani che portarono via il serpente sacro del dio da Epidauro, forse il più famoso dei santuari curativi greci. Il serpente si diede alla fuga durante il trasporto, una volta nel porto di Antium e un'altra volta all'arrivo a Roma, ma, riemerso sull'Isola Tiberina, vi fu istituito un santuario al dio. Proprio come a Epidauro, i pazienti visitavano il sito nella speranza di ricevere istruzioni e rimedi divini.

Rimuovi la pubblicità
Advertisement

Forse il primo medico greco conosciuto per aver esercitato il suo mestiere a Roma è stato Archagato di Sparta., arrivato nel 219 a.C., a cui si attribuisce il merito di aver introdotto per la prima volta la pratica medica greca ai Romani. Specializzato nella cura delle ferite di battaglia, si guadagnò anche una reputazione per la risoluzione dei problemi della pelle. Plinio il Vecchio, nel I secolo d.C., si occupò di medicina nella sua Storia naturale, ma criticò aspramente i medici greci, lamentandone gli alti onorari, la condotta immorale con i pazienti e la generale negligenza. Plinio aveva più fiducia nella medicina tradizionale romana amministrata dal capofamiglia. Questi rimedi gentili erano in netto contrasto con i tagli e i tritamenti di uomini come Archagato, che egli etichettò come carnifex o "boia".

Statue of Asklepios
Statua di Asclepio
Nina Aldin Thune (CC BY-SA)

Approccio generale

Nonostante le critiche rivolte ai medici greci, essi erano comunque estremamente popolari e molte famiglie romane ne avevano uno tra il personale. Inoltre, i Greci poterono portare la loro conoscenza del Corpus ippocratico del V-IV secolo a.C., con la sua classica divisione del trattamento medico in dieta, regime e chirurgia. Inoltre, i Greci portarono le ultime tendenze da Alessandria, dove i medici stavano aumentando notevolmente la loro conoscenza del corpo umano attraverso la dissezione e la vivisezione di criminali condannati. I medici greci più scaltri furono anche in grado di adattare il loro approccio ai gusti dei Romani. Ad esempio, Asclepiade di Bitinia (morto nel 90 a.C.) era famoso per i suoi trattamenti terapeutici "soft", come massaggi, bagni ed esercizi fisici dolci, mescolati alla prescrizione di acqua e vino.

Rimuovi la pubblicità
Advertisement

L'opera più influente sui farmaci fu la Materia medica di Dioscoride di Anazarbo, scritta nel I secolo d.C.. In essa Dioscoride menziona un vasto numero di rimedi a base di erbe e piante, oltre a classici medicinali come il succo di papavero e il croco autunnale, contenenti rispettivamente morfina e colchicina. Descrive anche le proprietà utili di alcune pietre se indossate come amuleti. Per esempio, il diaspro verde era ritenuto utile per i problemi di stomaco e particolarmente popolari erano le pietre okytokia, indossate dalle madri in attesa che speravano in un parto veloce. Il grande medico romano Galeno trasse molte idee da quest'opera che continuò a essere un importante riferimento fino al V secolo d.C. e oltre

Artist's Depiction of an Ailing Woman
Rappresentazione artistica di una donna malata
Mohawk Games (Copyright)

Le pillole (pastilli) erano solitamente a base di erbe e piante con qualche tipo di ingrediente metallico. Celso, un altro dei grandi medici romani, descrive ad esempio gli ingredienti di una pillola usata per curare la tosse: zafferano, mirra, pepe, costoluto, galbano, cannella, castoreo e lacrime di papavero. Questo illustra l'amore per gli ingredienti esotici e anche l'enorme fiducia riposta nei beni di uso quotidiano. Ad esempio, Catone credeva fortemente nelle proprietà medicinali del cavolo (brassica). Riteneva che aiutasse la digestione, che il bagno di un paziente o di un bambino nell'urina di chi aveva mangiato molti cavoli fosse estremamente benefico per la costituzione e che i fumi del cavolo bollito, se indirizzati nell'utero, potessero aumentare la fertilità di una donna.

Nel I secolo d.C. Aulo Cornelio Celso scrisse un'enciclopedia che comprendeva una parte sulla medicina.

Come tipico di altre culture antiche, la chirurgia, a causa dei rischi che comportava, era di solito utilizzata solo come ultima risorsa. C'era anche la preoccupazione per il comfort del paziente e la consapevolezza dell'inutilità di causare ulteriore dolore quando la guarigione era improbabile. La chirurgia, quindi, si limitava di solito alla superficie del corpo, ma con strumenti chirurgici specializzati si potevano effettuare interventi più sofisticati, come la rimozione della cataratta, il drenaggio dei liquidi, la trefinazione e persino l'inversione della circoncisione. Le ferite venivano suturate dopo l'intervento chirurgico utilizzando lino, filo di lino o spilli metallici. Le medicazioni erano costituite da bende o spugne di lino, asciutte o bagnate, cioè imbevute di vino, olio, aceto o acqua e mantenute umide con una copertura di foglie fresche. I chirurghi più importanti furono Eliodoro e Antilio, ma dei loro scritti sopravvive ben poco.

Rimuovi la pubblicità
Advertisement

I medici riconoscevano anche che per le lesioni al cervello, al cuore, al fegato, alla colonna vertebrale, all'intestino, ai reni e alle arterie non c'era molto che potesse essere fatto anche dal medico più abile. Di conseguenza, si consigliava di non farsi coinvolgere in questi casi e di non danneggiare la propria reputazione medica. I casi che più comunemente venivano portati all'attenzione dei medici erano disturbi come problemi di pelle, digestione e fertilità, fratture ossee, gotta (podagra), depressione (melancholia), idropisia o ritenzione di liquidi (leucoflemmatismo) e persino epilessia (comitialis).

Hygieia, Vatican Museums
Igea, Musei Vaticani
Mark Cartwright (CC BY-NC-SA)

Specialisti famosi

Aulo Cornelio Celso (ca. 25 a.C. - ca. 50 a.C.) nel I secolo a.C. scrisse un'enciclopedia che comprendeva una parte sulla medicina, di cui è sopravvissuto solo il libro settimo De medicina. In esso cita e valuta criticamente rimedi tradizionali come l'antica pratica greca del bagno di vapore profumato con un'erba della famiglia della menta che favoriva la sudorazione e rivitalizzava il corpo, il mangiare serpenti per liberarsi dagli ascessi o, ancora più bizzarra, la credenza che bere il sangue di un gladiatore ucciso curasse l'epilessia. Sosteneva che i cerotti caldi di radice di malva (hibiscum, malva) bolliti nel vino curassero la gotta. Celso riteneva che la dietetica fosse la più importante delle tre branche della medicina. Sottolineava che l'imminente morte del paziente era indicata dalla punta del naso, dalle tempie e dagli occhi infossati, dalle orecchie fredde e dalla pelle della fronte che si impuntava e diventava dura. Confondeva la febbre e la diarrea come malattie anziché come sintomi e aveva una predilezione per il salasso, ma riconosceva anche il valore del massaggio e della sudorazione. Divideva gli alimenti in quelli che raffreddavano il paziente (ad esempio lattuga, cetrioli, ciliegie e aceto) e quelli che fornivano calore (ad esempio pepe, sale, cipolle e vino). In generale, Celso è piuttosto indifferente nei confronti di coloro che si curano e sottolinea l'importanza di uno stile di vita sano all'aria aperta per tenere lontano il medico.

Scribonio Largo (1 - 50 ca.), siciliano, era un medico dell'entourage dell'imperatore Claudio che visitò la Britannia nel 43 ca. Di scuola empirista, scrisse le sue Compositiones sui farmaci dell'epoca, tra cui una pomata per l'artrite, una raccomandazione per la pianta di trifoglio contro i morsi di serpente e il sangue di tartaruga o di colomba come cura per l'epilessia. Largo, come molti altri autori, utilizzò i termini greci per la medicina e le piante e sostenne anche i principi essenziali del Giuramento di Ippocrate.

Rimuovi la pubblicità
Advertisement

Sorano di Efeso (60-130 ca.) nella sua Ginecologia dava consigli alle levatrici e alle infermiere, affermando che dovevano essere alfabetizzate, sobrie, discrete, conoscere sia la teoria che la pratica e non essere influenzate dalla superstizione. Studiò ad Alessandria d'Egitto, esercitò a Roma e fece parte dell'approccio popolare metodista in cui si dava importanza al rimedio di un corpo troppo "costretto" o troppo "rilassato". Nella sua opera ribadì anche i consigli comuni per evitare la gravidanza, come trattenere il respiro durante il rapporto sessuale o starnutire poco dopo.

Galeno di Pergamo (129 - 216 ca.) fu uno studioso e medico a tutto tondo che viaggiò molto nel Mediterraneo, imparò il mestiere in una scuola di gladiatori e divenne un prolifico scrittore di trattati di medicina che furono tradotti in molte altre lingue, come l'ebraico e l'armeno. Nei suoi prolifici commenti al Corpus ippocratico, ad esempio, diede consigli per le neomamme nella sua Prognosi, consigliò la saggezza di immergere le bende nel vino per sterilizzarle e consigliò come scegliere un buon medico nel suo Esame dei migliori medici. Era uno dei favoriti della casa imperiale, da Marco Aurelio a Settimio Severo, e si dice persino che il primo, dopo aver risolto un problema di stomaco, disse di lui: "Abbiamo un medico, ed è un totale gentiluomo". Galeno lavorò instancabilmente utilizzando la dissezione per ampliare le sue conoscenze e sostenne anche l'idea, contenuta nel Corpus ippocratico, che fosse lo squilibrio dei quattro fluidi corporei (o umori) - flemma, bile gialla, bile nera e sangue - a causare la malattia. Questa idea era abbinata alle quattro qualità di caldo, freddo, umido e secco che erano alla base di tutti i trattamenti e che sarebbero rimaste influenti per i successivi 1500 anni.

Conclusioni

Come i Greci, quindi, anche i Romani non avevano una formazione o una qualifica medica ufficiale e non esisteva un approccio medico ortodosso. Metodi e materiali dipendevano dal singolo medico che si guadagnava la fiducia dei pazienti grazie all'accuratezza della diagnosi e della prognosi, caso per caso. Gli specialisti romani seguirono i loro predecessori greci, documentarono la tradizione precedente per il bene dei posteri e fecero progressi, in particolare nella chirurgia e nella conoscenza anatomica. C'erano ancora molte lacune nella conoscenza e più di qualche convinzione errata, ma i medici e gli studiosi di medicina romani avevano fatto un tale passo avanti che il loro approccio sarebbe rimasto quello dominante per un altro millennio.

Domande e risposte

Cosa usavano i Romani come medicina?

I Romani usavano tutti i tipi di sostanze naturali per le loro medicine. Estraevano succhi dalle piante, erbe tritate e spezie in polvere per le loro medicine. Credevano anche che alcune pietre, come il diaspro verde, avessero qualità medicinali.

I medici romani eseguivano interventi chirurgici?

Sì, i medici romani eseguivano vari tipi di interventi chirurgici, non sempre con successo, ma a volte venivano eseguite con successo operazioni piuttosto sofisticate come la trefinazione, le amputazioni e la rimozione della cataratta.

In che modo l'esercito romano influenzò la medicina?

La guerra romana influenzò la medicina in quanto diede ai medici l'opportunità di studiare l'anatomia delle ferite dei soldati e di praticare le tecniche di chirurgia.

Qual è l'eredità della medicina romana?

L'eredità della medicina romana comprende la registrazione delle conoscenze mediche delle culture precedenti e gli scritti dei medici sull'efficacia di alcuni farmaci e procedure chirurgiche. I medici romani contribuirono anche alla medicina mondiale estendendo la loro conoscenza della chirurgia e dell'anatomia.

Info traduttore

Babeth Étiève-Cartwright
Marco, diplomato in management arte cultura e comunicazione presso l'Università L. Bocconi, sta per ottenere una Laurea Magistrale in Beni archeologici, artistici e del paesaggio: storia, tutela e valorizzazione presso Ravenna (Unibo)

Info autore

Mark Cartwright
Mark è ricercatore, storico e scrittore. Formatosi in filosofia politica, si interessa di arte, architettura e di storia globale delle idee. È direttore editoriale della World History Encyclopedia.

Cita questo lavoro

Stile APA

Cartwright, M. (2013, ottobre 26). Medicina Romana [Roman Medicine]. (B. Étiève-Cartwright, Traduttore). World History Encyclopedia. Estratto da https://www.worldhistory.org/trans/it/1-12317/medicina-romana/

Stile CHICAGO

Cartwright, Mark. "Medicina Romana." Tradotto da Babeth Étiève-Cartwright. World History Encyclopedia. Modificato il ottobre 26, 2013. https://www.worldhistory.org/trans/it/1-12317/medicina-romana/.

Stile MLA

Cartwright, Mark. "Medicina Romana." Tradotto da Babeth Étiève-Cartwright. World History Encyclopedia. World History Encyclopedia, 26 ott 2013. Web. 24 apr 2024.