Le origini e la storia del sistema di datazione AEC/EC

Articolo

Joshua J. Mark
di , tradotto da Pierpaolo Anselmetti
pubblicato il 27 marzo 2017
X

Testo originale in inglese: The Origin & History of the BCE/CE Dating System

Negi ultimi tempi, si è alzato un criticismo peristente contro l'utilizzo dell'utilizzo del sistema AEC/EC (Avanti l'Era Comune/Era Comune), al posto di a.C/d.C (Avanti Cristo/Dopo Cristo), nel datare gli eventi storici. Si sostiene che questa notazione non sia altro che un tentativo di "rimuovere Cristo dal calendario" in linea con gli effetti "sovversivi" della correttezza politica. L'uso di AEC/EC, affermano gli oppositori, è offensivo per i cristiani che riconoscono il tempo come datato a partire dalla nascita di Gesù. Inoltre, si afferma che AEC/EC non ha senso perché si riferisce esattamente allo stesso evento di a.C/d.C . Coloro che si oppongono all'uso della designazione di "era comune" sembrano anche ritenere che l'uso di a.C/d.C sia effettivamente stabilito dalla Bibbia o in qualche modo abbia un'autorità biblica.

Non esiste un'autorità biblica per a.C/d.C; è stato creato oltre 500 anni dopo gli eventi descritti nel Nuovo Testamento Cristiano e non è stato accettato fino a quando non sono trascorsi altri 500 anni. L'uso di AEC/EC è certamente diventato più comune negli ultimi anni, ma non è una nuova invenzione del "politically correct" e non è nemmeno così nuovo; l'uso di "era comune" al posto di d.C. appare per la prima volta in tedesco nel XVII secolo d.C. e in inglese nel XVIII. L'uso di questa designazione nella datazione non ha nulla a che fare con la "rimozione di Cristo dal calendario" e ha a che fare con accuratezza quando si tratta di eventi storici.

Rimuovere la pubblicità

Advertisement

Hourglass
Clessidra
iStockPhoto.com (Copyright)

La storia di a.C/d.C

Il calendario ebraico, ancora in uso, si basa su un concetto noto come Anno Mundi ("nell'anno del mondo") che data gli eventi dall'inizio della creazione della terra come calcolato attraverso le Scritture. Antiche civiltà come la Mesopotamia e l'Egitto basavano i loro calendari sui regni dei re o sui cicli delle stagioni stabiliti dagli dei. In Mesopotamia, ad esempio, si potrebbe datare un evento come "cinque anni dal regno del re Shulgi" e, in Egitto, come "tre anni dopo l'ultimo Festival Opet di Ramesse che era il secondo con quel nome" o, altrimenti, "Nel decimo anno del regno di Ramesse che trionfò a Kadesh". Questo metodo di datazione fu continuato dai romani che contavano i loro anni secondo tre diversi sistemi in epoche diverse: dalla fondazione di Roma, da quando erano al potere i consoli, e da cui governavano gli imperatori in un dato momento.

Rimuovere la pubblicità

Advertisement

L'uso di questa designazione nella datazione non ha nulla a che fare con la "rimozione di Cristo dal calendario" e ha a che fare con accuratezza quando si tratta di eventi storici.

Giulio Cesare (100-44 AEC) riformò il calendario e ribattezzò i mesi durante il suo regno (49-44 AEC). Questo calendario rimase in uso, con revisioni periodiche, fino al 1582 EC. quando papa Gregorio XIII istituì il calendario gregoriano ancora in uso ai giorni nostri. I cristiani usavano il calendario Anno Mundi e il calendario romano nei primi anni della fede. Nel 525 EC, tuttavia, un nuovo concetto di datazione fu introdotto da un monaco di nome Dionysius Exiguus (c. 470-544 EC) che fornì le basi per il successivo sistema di datazione di a.C/d.C .

Dionisio ha inventato il concetto di Anno Domini ("nell'anno di nostro Signore") nel tentativo di stabilizzare la data della celebrazione della Pasqua. All'epoca in cui stava lavorando a questo problema, i cristiani dell'influente chiesa di Alessandria stavano datando eventi dall'inizio del regno dell'imperatore romano Diocleziano (284 EC) che perseguitava i membri della nuova fede. Dionisio stava cercando di mettere d'accordo le chiese orientali e occidentali in un solo giorno in cui tutti i cristiani avrebbero celebrato la Pasqua.

Rimuovere la pubblicità

Advertisement

Resurrection of Christ by Piero della Francesca
Resurrezione di Cristo di Piero della Francesca
Piero della Francesca (CC BY-NC-SA)

Questo obiettivo era stato deciso da Costantino il Grande al Concilio di Nicea nel 325 EC, ma non era ancora stato raggiunto. A tal fine, Dionisio cambiò il sistema di datazione degli anni dal sistema romano e dal sistema alessandrino al suo proprio in cui la sua epoca attuale era datata alla nascita di Gesù di Nazaret. La sua scelta eliminò anche un altro problema che trovava preoccupante: datare eventi del regno di un imperatore che aveva ucciso tanti cristiani.

a.C/d.C e la Bibbia: La nascita di Gesù

L'unico problema con questo sistema di datazione era che nessuno sapeva quando nacque Gesù di Nazareth. Dionisio stesso non sapeva quando nacque Gesù e il suo sistema non pretende di datare definitivamente quell'evento. Sembra che sia arrivato ai suoi calcoli facendo affidamento sulle scritture e sulla storia conosciuta del tempo per creare un calendario che sarebbe stato accettabile sia per le chiese occidentali che per quelle orientali del tempo nell'armonizzare la celebrazione della Pasqua.

Rimuovere la pubblicità

Advertisement

Non esiste un'autorità biblica per a.C/d.C; è stato creato oltre 500 anni dopo gli eventi descritti nel Nuovo Testamento Cristiano.

Dionisio non afferma mai di conoscere la data di nascita di Gesù e nessuno scrittore successivo lo fece per lui. Non indirizzò i suoi sforzi per riformare il calendario per datare con precisione la nascita di Gesù di Nazareth; lo fece secondo i desideri del papa dell'epoca che voleva realizzare la visione di Costantino. La celebrazione pasquale della risurrezione era considerata la più importante della chiesa e Costantino, e coloro al potere che lo seguivano, volevano che l'evento fosse osservato da tutte le chiese nello stesso giorno. Era compito di Dionisio contribuire a far sì che ciò accadesse e ha cercato di farlo riformando il calendario; calcolare la data di nascita di Gesù era un mezzo per questo fine, non un fine in sé.

Usare i quattro vangeli per determinare la nascita di Gesù, tuttavia, è problematico, poiché il Vangelo di Giovanni non concorda con gli altri tre e Matteo, Marco e Luca non sono sempre d'accordo tra loro riguardo agli eventi significativi. Lo studioso Robert R. Cargill spiega:

Secondo il Vangelo di Matteo, Gesù nacque durante il regno di Erode il Grande. Secondo molteplici fonti antiche, Erode morì nel 4 AEC. Se il Vangelo di Matteo è storicamente accurato, ciò significherebbe che Gesù di Nazaret nacque il 4 AEC o prima, il che significa che Gesù nacque nel 4 AEC (4 anni prima di Cristo)! Se a questi 4 anni aggiungiamo il fatto che Erode il Grande non morì subito dopo la nascita di Gesù, ma, secondo Matteo, ordinò la morte di tutti i bambini di due anni e più giovani nel tentativo di uccidere Gesù, possiamo aggiungere altri due anni alla nascita di Gesù, facendo sì che la sua nascita sia circa il 6 AEC. Se aggiungiamo anche l'anno zero mancante, è molto probabile che, secondo il Vangelo di Matteo, Gesù sia nato intorno al 7 AEC!

Pertanto, il sistema a.C/d.C è fondamentalmente difettoso in quanto travisa la nascita di Gesù di circa 7 anni. Ciò significa che il ministero di Gesù non iniziò intorno all'anno 30, ma invece intorno all'anno 23. Allo stesso modo, la Pentecoste e l'origine della Chiesa cristiana non dovrebbero essere datate al "33 d.C", ma al 26 EC circa.

Rimuovere la pubblicità

Advertisement

Un problema ancora maggiore esiste ancora con il sistema a.C/d.C: l'anno della nascita di Gesù differisce a seconda del Vangelo che si legge. Mentre il Vangelo di Matteo afferma nel capitolo 2:1 che Gesù nacque durante il regno di Erode il Grande, il Vangelo di Luca afferma nel capitolo 2:1-2 che Gesù nacque durante il primo censimento del regno di Quirinio, governatore della Siria. Secondo fonti antiche, la data di questo censimento è del 6 EC circa. Pertanto, la Bibbia è internamente incoerente riguardo all'anno della nascita di Gesù. (2)

The Gospels
I Vangeli
Kotomi Yamamura (CC BY-NC-SA)

Tuttavia, l'incoerenza biblica non era nella mente di Dionisio quando era impegnato nei suoi calcoli. Non spiega mai da nessuna parte come sia giunto alle sue conclusioni riguardo alla data di nascita di Gesù e non afferma mai di averla datata accuratamente. Aveva bisogno di far funzionare il calendario secondo i desideri del papa e ci è riuscito.

L'Era Comune

Il sistema a.C/d.C è fondamentalmente difettoso in quanto travisa la nascita di Gesù di circa 7 anni. R.R. CARGILL.

Dionisio non è tuttavia responsabile delle designazioni a.C/d.C. A lui interessava solo datare eventi dall'incarnazione di Gesù di Nazareth e questo era un altro aspetto del problema che doveva affrontare: si doveva datare l'incarnazione di Gesù dalla sua natività o dall'annunciazione? Dionisio inoltre non spiega mai come ha risolto questo problema. La data effettiva della nascita di Gesù di Nazareth rimane sconosciuta.

Nell'opera di Dionisio, gli eventi successivi all'incarnazione di Gesù si verificano nell '"anno del Signore" e gli eventi precedenti non vengono considerati. L'uso di a.C/d.C per distinguere i periodi di tempo è avvenuto più tardi in seguito alla pubblicazione di The Ecclesiastical History of the English People nel 731 EC di Beda. Le designazioni di a.C/d.C apparvero in opere precedenti, ma il libro di Beda le rese popolari e, in seguito, altri scrittori seguirono l'esempio.

Questa non era una designazione universalmente accettata e non si sarebbe diffusa fino al regno di Carlo Magno (800-814 EC) che istituì il sistema per standardizzare la datazione in tutta Europa. Anche dopo gli sforzi di Carlo Magno, tuttavia, l'uso del sistema di calendario Anno Domini non fu accettato da tutte le nazioni europee e certamente non fu riconosciuto in altre parti del mondo. Fu solo nel XV secolo EC che l'Europa adottò il calendario Anno Domini che avrebbe poi permesso a Papa Gregorio XIII di riformarlo nell'ultima parte del secolo successivo nel 1582 EC.

Nel XVII secolo il termine "era volgare" appare per la prima volta in sostituzione di Anno Domini negli scritti dell'astronomo e matematico tedesco Johannes Kepler (1571-1630 EC). A quel tempo "volgare" non significava "rozzo" ma "comune" o "ordinario" ed era usato per designare eventi precedentemente annotati come "nell'anno del Signore" o, semplicemente, l'era presente. La frase "era volgare" è stata quindi usata dagli scrittori in modo intercambiabile con "dopo il tempo di Cristo" o "nell'era comune" che alla fine è stata scritta semplicemente come "era comune" e quindi EC che ha dato origine a AEC nella definizione degli eventi prima dell'era comune. Il primo uso di "era comune" in inglese risale alla pubblicazione del 1708 di The History of the Works of the Learned o An Impartial Account of Books Lately Printed in all Parts of Europe with a Particular Relation of the State of Learning in Each Country stampato da un certo H. Rhodes a Londra. La frase compare in una frase di pagina 513 che menziona "il quarto secolo dell'era comune".

Gli studiosi non cristiani, in particolare, hanno abbracciato le nuove designazioni perché ora potevano comunicare più facilmente con la comunità cristiana.

Gli studiosi non cristiani, in particolare, hanno abbracciato le nuove designazioni perché ora potevano comunicare più facilmente con la comunità cristiana. Ebrei e islamici, indù e buddisti, gli studiosi potevano mantenere il loro calendario ma riferirsi agli eventi che utilizzano il calendario gregoriano come AEC e EC senza compromettere le proprie convinzioni sulla divinità di Gesù di Nazareth. Poiché le designazioni AEC/EC corrispondevano al cristiano a.C/d.C , i cristiani potevano corrispondere altrettanto chiaramente. Per tutto il XVIII e XIX secolo "era comune" fu usata frequentemente con un rispettoso cenno al cristianesimo in frasi come "l'era comune di Cristo" o "l'era comune dell'Incarnazione" fino a quando, alla fine del XX secolo, tornò di nuovo semplicemente "era comune".

AEC/EC ai giorni nostri

L'uso di AEC/EC ai giorni nostri, quindi, non è un tentativo da parte del "politicamente corretto" di rimuovere Gesù di Nazareth dal calendario, ma ha precedenti nella storia. L'uso è iniziato quando le persone mettevano in discussione la conoscenza ricevuta e si formavano le proprie opinioni su come funzionava il mondo e su ciò che costituiva fonti affidabili. Keplero usa "era volgare" in un momento in cui molte istituzioni e comprensioni venivano messe in discussione e tra queste sarebbe stato il modo in cui Dionisio arrivò alle sue conclusioni sulla data della nascita di Gesù.

AEC/EC continua ad essere utilizzato perché è più accurato di a.C/d.C. Dionisio non capiva il concetto di zero e nemmeno Beda. Il calendario da cui hanno datato gli eventi, quindi, è impreciso. L'anno 1 d.C seguirebbe il 1 a.C senza un punto di partenza per la nuova cronologia degli eventi. Il sistema a.C/d.C, da Dionisio in poi, fu utilizzato dalla teologia cristiana che dava per scontato che qualcuno (Dionisio) conoscesse effettivamente la data di nascita di Gesù di Nazareth. Per datare un evento presente da un evento passato, è necessario sapere quando si è verificato quell'evento passato. Si può dire che si ha vent'anni solo se si sa con certezza che si è nati vent'anni fa in una data certa. La datazione di eventi da un punto incerto è imprecisa perché si sta facendo un'affermazione non vera basata su una falsa supposizione.

Quando la gente cominciò a chiedersi come Dionisio fosse arrivato alla data della nascita di Gesù, o se avesse ragione, erano passati più di 1000 anni ed era stata annotata una grande quantità di storia. Poiché non c'era modo di annullare il sistema di datazione di Dionisio, l'affermazione che gli eventi fossero datati dalla nascita di Gesù è stata modificata per rivendicare un evento accaduto un certo numero di anni dopo che la tradizione cristiana supponeva che Gesù di Nazaret fosse nato. Questo è più accurato in quanto non si sta facendo un'affermazione che non si può assolutamente sostenere. Sebbene questo sistema di datazione si riferisca allo stesso evento, lo fa semplicemente per necessità perché il sistema di Dionisio era stato accettato e utilizzato per così tanto tempo nelle opere scritte. Anche questo sistema di datazione, come a.C/d.C, non ha anno zero ma non ne ha bisogno perché non pretende di datare la storia da un evento specifico.

Oltre ad essere più accurato, AEC/EC è inclusivo. L'uso di a.C/d.C relega ogni evento prima e dopo la nascita di Gesù di Nazareth subordinato alla comprensione cristiana di chi fosse. Per i cristiani, Gesù è il Cristo, l'annunciato di Dio, il messia. Il calendario "conta alla rovescia" fino alla nascita di Gesù e poi procede a contare a partire da esso. Per un cristiano questo può sembrare semplice buon senso e il modo in cui funziona il mondo, ma non lo è per qualcuno al di fuori di quella tradizione. Persone di diverse culture e sistemi di credenze dovrebbero essere in grado di accedere e discutere la storia senza doverla datare secondo la fede cristiana in Gesù come figlio di Dio e messia.

È per questi motivi che World History Encyclopedia, seguendo le linee guida accademiche standard nel XXI secolo, utilizza la designazione AEC/EC invece di a.C/d.C. L'enciclopedia ha un pubblico internazionale di lettori che abbracciano più fedi e riconoscono molti sistemi di credenze differenti. Pertanto, la Ancient History Encyclopedia ha adottato la designazione AEC/EC nel tentativo di essere accurata, aderire ai principi accademici ed essere inclusivo e accogliente per tutti.

Rimuovere la pubblicità

Pubblicità

Info traduttore

Pierpaolo Anselmetti
I work as a consultant in a software company. Passionate about photography and the history of religions, I dedicate part of my free time to studying and writing.

Info autore

Joshua J. Mark
Scrittore free-lance, Joshua J. Mark è stato Professore di Filosofia presso il Marist College, New York. Ha vissuto in Grecia ed in Germania ed ha viaggiato in tutto l'Egitto. Ha insegnato storia, scrittura, letteratura, e filosofia all'università.

Cita questo lavoro

Stile APA

Mark, J. J. (2017, marzo 27). Le origini e la storia del sistema di datazione AEC/EC [The Origin & History of the BCE/CE Dating System]. (P. Anselmetti, Traduttore). World History Encyclopedia. Recuperato da https://www.worldhistory.org/trans/it/2-1041/le-origini-e-la-storia-del-sistema-di-datazione-ae/

Stile Chicago

Mark, Joshua J.. "Le origini e la storia del sistema di datazione AEC/EC." Tradotto da Pierpaolo Anselmetti. World History Encyclopedia. Ultima modifica marzo 27, 2017. https://www.worldhistory.org/trans/it/2-1041/le-origini-e-la-storia-del-sistema-di-datazione-ae/.

Stile MLA

Mark, Joshua J.. "Le origini e la storia del sistema di datazione AEC/EC." Tradotto da Pierpaolo Anselmetti. World History Encyclopedia. World History Encyclopedia, 27 mar 2017. Web. 12 giu 2021.