Persis

Definizione

Antoine Simonin
da , tradotto da Carlos A Sequera B
pubblicato il
Disponibile in altre lingue: Inglese, Persiano, Spagnolo
X
Hercules and Aramaic Inscription from Behistoun (by dynamosquito, CC BY-SA)
Ercole e l'iscrizione aramaica di Behistoun
dynamosquito (CC BY-SA)

Persis (in greco, derivato dal persiano pars) è l'antico nome della regione approssimativa del moderno Fars, nell'Iran centrale, nonché di uno stato dei periodici ellenistico e imperiale in questa stessa provincia. Il suo nome proviene dai Persiani che si stabilirono nella zona nell VII secolo a.C. nel luogo che prima era chiamato Anšan.

Provincia di Persis

Persis era la patria dei Persiani, una terra di bacini fluviali e altipiani che si estendeva dai Monti Zagros. Il suo cuore corrispondeva quasi al moderno Fars, con pianure irrigate da fiumi tra due catene montuose dei Monti Zagros che correvano da est a ovest. Questa terra, composta da valli e bacini, era fertile; l'agricoltura era sostenuta da una complessa rete di fossati.

Le pianure nordoccidentali erano caratterizzate da più colline e valli ad alta quota e quindi ricevevano più pioggia rispetto alle loro controparti sudorientali. Nelle zone di maggiore quota si potevano trovare boschi temperati, tra i quali c'erano querce, palme da dattero e melograni.

Qui c'era Pasargada, l'antica capitale dei re persiani, così come l'altrettanto nota città di Persepoli. Più vicino ai laghi salati, a nord, sedeva Anšan, l'antica sede del potere persiano e la casa originale di Ciro il Grande, fondatore dell'Impero persiano. Il fiume Mand separava Anšan dalle altre città dell'est.

All Nations Gate at Persepolis
La porta di tutte le nazioni a Persepoli
dynamosquito (CC BY-SA)

Regno di Persis

Persis è anche il nome attualmente attribuito a un piccolo regno dell'omonima area, che durò approssimativamente dal 300 a.C. fino al 211/212 d.C.

La storia del regno di Persis è avvolta da ombre e ipotesi contraddittorie ma, secondo le analisi più recenti, questo stato apparve sotto il regno di Seleuco I (305-281 a.C.), quando Persis e l'intero Medio Oriente erano sotto il controllo seleucide. Seleuco sembra aver stretto un'alleanza con una dinastia persiana locale che acquisì un notevole potere in Persis. I suoi governanti assumevano il titolo di frataraka, "guardiano del fuoco", equivalente al titolo di sottosatrapo. Il loro potere in Persis fu consolidato dalla presenza di un satrapo seleucide per la Persis, creando un rapporto di coesistenza, anche se i dettagli della situazione non sono oggi pienamente compresi.

I primi quattro sovrani furono Artaxares I (persiano: Ardaxshir), Oborzes (Wahabarz), Autophradates I (Vadfradad) e Bagadates (Bagdan). Detenevano il titolo di frataraka e coniavano monete, probabilmente mantenendo buoni rapporti con i Seleucidi. Fa eccezione il regno di Oborzes (270-240 a.C. circa?), che secondo Polenio (7.40) uccise 3000 coloni greci. Un'ulteriore prova dei regni turbolenti si trova nelle sovrastampe sulle monete, che mostrano come i sovrani Autofradato I e Bagadato non fossero in buoni rapporti tra loro.

Quando il seleucide Antioco III salì al potere, mise Alessandro, un greco, al comando della satrapia di Persis, insieme al fratello di Alessandro, Molone, in Media. Disprezzando il re per la sua giovane età, Alessandro aiutò il fratello Molone a ribellarsi ad Antioco III nel 222-220 a.C., insieme alle satrapie superiori (Polibio V.40.6 - V.53.12). Molone e Alessandro, sconfitti, si suicidarono (Polibio V.53.9), quindi Antioco III inviò Tychon, il segretario capo del suo esercito, a "prendere il controllo della provincia del Golfo Persico".

Dopo questa rivolta, che deve aver coinvolto il frataraka, la dinastia persiana scomparve dalla circolazione fino ad Autofradate II (persiano: Vadfradad). Da questo sovrano all'ultimo, tutti i re portano il titolo di malakh invece di frataraka.

I re di Persis furono apparentemente fedeli ai Seleucidi fino alla loro sconfitta da parte dei Parti in ascesa nel 141 a.C. I Parti li tennero come vassalli, come in seguito fecero con diversi piccoli regni della Mesopotamia. Uno dei re di Persia, Ardashir o Ardacher, nipote di Sasan, si rivoltò contro il re partico Artabano VI nel 211/2 e, sconfiggendolo, fondò l'Impero sasanide, che pose virtualmente fine al regno di Persia unendolo al precedente Impero partico sotto il suo dominio.

Si sa molto poco degli aspetti culturali del regno di Persis. Regnavano da Istakhr o Istakhr, dove si trovano le tombe achemenidi. La dinastia mostra alcuni segni di ellenizzazione nella sua monetazione e nella scarsa rappresentazione che ha lasciato sotto forma di dipinti che ricordano l'arte achemenide.

Gli aspetti dell'amministrazione erano probabilmente simili a quelli utilizzati dai primi Sassanidi, con un re che impartiva ordini a diversi kyrios (signori). In definitiva, l'eredità del regno persiano divenne visibile attraverso gli elementi culturali sassanidi, anche se molti aspetti importanti rimangono sconosciuti.

Bibliografia

World History Encyclopedia è un associato Amazon e guadagna una commissione sugli acquisti di libri qualificati.

Info traduttore

Carlos A Sequera B
Carlos es un ingeniero metalúrgico de Barquisimeto, Venezuela. Desde la infancia se sintió muy atraído por la geografía y la historia antigua. Leer sobre estos temas se convirtió en una afición y aumentó sus conocimientos sobre historia.

Info autore

Antoine Simonin
Passionate about ancient Central Asia. Maintains the website From Bactria to Taxila. Works in the Europa Barbarorum project.

Cita questo lavoro

Stile APA

Simonin, A. (2014, novembre 14). Persis [Persis]. (C. A. S. B, Traduttore). World History Encyclopedia. Estratto da https://www.worldhistory.org/trans/it/1-13311/persis/

Stile CHICAGO

Simonin, Antoine. "Persis." Tradotto da Carlos A Sequera B. World History Encyclopedia. Modificato il novembre 14, 2014. https://www.worldhistory.org/trans/it/1-13311/persis/.

Stile MLA

Simonin, Antoine. "Persis." Tradotto da Carlos A Sequera B. World History Encyclopedia. World History Encyclopedia, 14 nov 2014. Web. 29 mag 2024.