Rotoli del Mar Morto

Definizione

Justin King
da , tradotto da Giuseppe E. Bertagna
pubblicato il
X
translations icon
Disponibile in altre lingue: Inglese, Francese
Dead Sea Scrolls (by Ken & Nyetta, CC BY-SA)
Rotoli del Mar Morto
Ken & Nyetta (CC BY-SA)

I Rotoli del Mar Morto (DSS) sono una raccolta di pergamene che si trovano nel deserto a est di Gerusalemme sulla riva del Mar Morto. Rappresentano le più grandi collezioni manoscritte di testi del periodo del Secondo Tempio ritrovati nella zona di Giuda, un'area nota per la sua mancanza di manoscritti. Circa 930 testi sono stati trovati in 11 grotte nelle colline che circondano Khirbet (= rovine di) Qumran. I testi sono il prodotto di una comunità di Esseni che vivevano nelle vicine rovine di Qumran e sono stati composti tra il III secolo AEC e il I secolo EC. Sono significativi perché rivelano molto sul mondo religioso e politico del giudaismo del periodo del tardo Secondo Tempio e sul testo dell'ebraico della Bibbia.

Indagine sui manoscritti

Ai Rotoli del Mar Morto è stato assegnato il sistema di numerazione standardizzato illustrato di seguito:

Rimuovi la pubblicità

Advertisement

Esiste un commento (noto come pesher, vedi sotto) a Naum. Il testo è numerato come 4Q169. Era il 169o manoscritto trovato nella grotta 4. A tutti i manoscritti si applica questo sistema numerico standardizzato. Ci sono comunque alcune eccezioni. Per esempio, il grande rotolo di Isaia, uno dei primi manoscritti trovati, è numerato con 1QIsaa. Da notare che è stata attribuita la numerazione 1Q (che significa che è stato trovato nella grotta 1).

Rotoli biblici

Il termine "biblico" è inappropriato se applicato ai Rotoli del Mar Morto, perché "la Bibbia" come la conosciamo oggi non esisteva al tempo del giudaismo del Secondo Tempio (515 a.C. -70 EC). Invece di indicare un insieme di testi con un particolare livello di autorità, "rotoli biblici" si riferisce a quei testi trovati nel Tanakh/Bibbia ebraica/Antico Testamento protestante. Questa è una classificazione imposta ai Rotoli del Mar Morto da studiosi successivi.

Rimuovi la pubblicità

Advertisement

Tra i Rotoli del Mar Morto, è stato ritrovato ogni libro della Bibbia ebraica tranne che quello di Ester. Tuttavia, non tutti i libri sono ugualmente documentati. I Salmi (34 diversi rotoli), Deuteronomio (30), Isaia (21) e la Genesi (20) sono i quattro rotoli biblici predominanti. Ecclesiaste ha solo due diversi rotoli, e di Esdra, Neemia e le Cronache si contano solo un rotolo ciascuno.

I ROTOLI BIBLICI TROVATI TRA I ROTOLI DEL MAR MORTO COSTITUISCONO UN'OPPORTUNITÀ IMPORTANTE PER STUDIARE IL TESTO STANDARD DELLA BIBBIA EBRAICA.

I rotti biblici trovati tra i Rotoli del Mar Morto costituiscono un'opportunità importante per studiare il testo della Bibbia ebraica standard, il testo masoretico. Per esempio, la versione di Geremia trovata nella Settanta (la traduzione greca della Bibbia ebraica) è un ottavo più corta di quella trovata nel testo masoretico. Inizialmente si pensava che la Settanta (LXX) rappresentasse una traduzione scadente. Tuttavia, tra i Rotoli sono state ritrovate versioni ebraiche sia di quella lunga sia di quella corta. Contrariamente alle affermazioni di alcuni, tra i Rotoli del Mar Morto non si è ritrovato alcun singolo manoscritto del Nuovo Testamento.

Rimuovi la pubblicità

Advertisement

Targumim

Targumim (plurale di targum) sono traduzioni e interpretazioni aramaiche speciali (targum in ebraico sta per "traduzione"). Tra i Rotoli del Mar Morto sono stati ritrovati un targum estremamente frammentario di Levitico e due targumim di Giobbe (uno, 11Q10, è uno dei manoscritti più completi). Questi reperti sono significativi perché hanno riacceso il dibattito su quando siano stati scritti i targumim. Fino al 1947, non esistevano prove di un targum scritto prima dell'era comune.

Rotoli apocrifi e pseudepigrafici

Come la definizione "biblica" questa classificazione è anacronistica, ma utile. Essa designa opere che non erano bibliche nel senso di essere parte della Bibbia ebraica né di appartenenza specifica alla comunità di Qumran. Questo gruppo di testi comprende reperti come il Salmo 151, un salmo esistente solo in greco fino alla sua scoperta tra i Rotoli del Mar Morto (11QPsa), l'apocalittico ebraico (sull'apocalittico si veda la definizione sugli Esseni di Qumran) opere come 1 Enoc e il libro dei Giubilei (entrambi superano di numero i singoli rotoli biblici).

Pesherim

Pesherim (plurale di pesher) sono speciali commenti su vari testi profetici e sui Salmi della Bibbia ebraica. In contrasto con i targumim, questi commenti sono scritti in ebraico e sono indirizzati specificamente alla comunità di Qumran.

Rimuovi la pubblicità

Advertisement

Commentari tematici

Mentre i pesharim costituiscono dei commenti che attingano ai vari testi della Bibbia ebraica e si concentrano su uno o più temi specifici, in particolare in riferimento alla fine dell'era corrente.

Dead Sea Scrolls - The War Scroll
Rotoli del Mar Morto
Matson Photo Service (Public Domain)

Parafrasi

Un certa quantità di parafrasi sono state trovate tra i Rotoli del Mar Morto, per lo più sulla Torah (p. es. 4Q127, una parafrasi greca di Esodo) e i Libri Storici (p. es. 4Q382, una parafrasi dei Re).

Rotoli legali

Fra i Rotoli del Mar Morto sono stati trovati diversi testi legali. Questi sono tra i più importanti per conoscere non solo la comunità di Qumran, ma anche l'interpretazione giuridica ebraica del periodo del Secondo Periodo in generale. Alcuni dei testi (p. es. il rotolo del tempio [11Q19 è la copia meglio conservata] e la Regola della Comunità [1QS è il frammento meglio conservata]) aiutano specificamente a capire la comunità di Qumran. Altri sono intesi non solo a una comunità settaria, ma anche agli Esseni che vivono nelle città della Giudea (p. es. il Documento di Damasco).

Rimuovi la pubblicità

Advertisement

Rotoli utilizzati nell'adorazione

Mentre libri come i Salmi costituiscono delle risorse utilizzate nel culto, un certo numero di opere originali chiaramente somigliavano ai Salmi.

Rotoli escatologici

Gli Esseni di Qumran erano una comunità escatologica. Brevemente descritta, l'escatologia è una convinzione che la fine dell'era attuale è vicina. Le comunità escatologiche si orientavano alle loro credenze e pratiche. Oltre ai popolari testi escatologici ebraici come il libro di 1 Enoc e il Libro dei Giubilei, la comunità di Qumran produsse una serie di opere riguardanti gli ultimi giorni. Alcune opere si concentrano sui giorni che vanno fino alla fine (per esempio il Rotolo della guerra [1QM]). Altri tematizzano la nuova era, in particolare trattano la nuova Gerusalemme e un tempio di recente ricostruzione (p. es. 1Q32, 2Q24, 4Q232, 4Q554).

Rotoli della saggezza

Un certo numero di opere ricordano opere canoniche di saggezza come i Salmi e Proverbi. Anche se queste opere sono strettamente legate alla letteratura di saggezza, continuano ad essere di natura escatologica, concentrandosi sui tempi della fine e sulle giuste azioni per la comunità.

Il Rotolo di Rame (3Q15)

Questo rotolo finale costituisce un enigma. Nessuno studioso è certo di cosa sia, cosa significhi o come abbia funzionato nella comunità. Prima di tutto, è inciso su rame, suggerendo che in origine non era inteso essere un rotolo. Secondo, sebbene sia stato trovato nella grotta tre, è stato trovato separatamente dal resto dei rotoli, suggerendo che potrebbe essere stato depositato separatamente nella grotta. Terzo, finalmente srotolato e tradotto, il testo sembrava essere una mappa del tesoro scritta in ebraico, ma con lettere greche casuali inserite in tutto il testo. John Marco Allegro, uno dei primi studiosi dei rotoli, pensava che fosse una letterale mappa del tesoro e tentò di trovare quelle che pensava fossero le ricchezze nascoste della comunità di Qumran. Tuttavia, a causa del fatto che un certo numero di ubicazioni nel testo sono sconosciute, non ha avuto successo. Alcuni studiosi continuano a sostenere che sia ancora una mappa del tesoro letterale. Altri pensano che sia un'opera di immaginazione. Il Rotolo di Rame rimane un enigma senza consenso interpretativo o funzione nella comunità di Qumran.

Qumram Caves
Grotte di Qumram
Dana Murray (CC BY-NC-SA)

Scoperta

La scoperta dei rotoli è una storia complessa che qui deve essere presentata in modo molto succinto.

Alla fine del 1946 o nel 1947 della nostra era, tre beduini (appartenenti a un'etnia araba nomade) che vagavano nel deserto lungo la riva nord-occidentale del Mar Morto, lungo il Wadi Qumran, si imbatterono in una grotta contenente dieci giare. Tutti tranne due erano vuote. Una conteneva rifiuti, ma l'altra conteneva quello che in seguito si rivelò essere il Grande Rotolo di Isaia, un libro di regole chiamato Il Manuale di Disciplina (o Regola della Comunità) e un commento al libro biblico di Abacuc. Successivamente i beduini ritrovarono altri quattro rotoli. Ci volle quasi un anno prima che il mondo accademico venisse a conoscenza dell'esistenza di questi sette manoscritti, anche se i sette originali sarebbero rimasti in due collezioni separate fino al 1954 EC.

Una volta che i beduini si resero conto del valore dei manoscritti, hanno iniziato a setacciare le colline intorno a Khirbet Qumran alla ricerca di altre grotte. La grotta successiva non fu trovata fino al febbraio 1952 EC (grotta 2). Gli archeologi hanno trovato la loro prima grotta a marzo (grotta 3). La scoperta più spettacolare avvenne nel settembre 1952 quando due archeologi, seguendo le indicazioni di alcuni beduini, si misero a scavare nella Grotta 4. Dalla grotta 4 sono riapparsi circa 100 manoscritti diversi. Dopo la grotta 4, sono state trovate altre sette grotte. L'ultima grotta (Grotta 11) fu trovata nel 1956 EC. Seguono altri tentativi da parte degli archeologi di trovare altre grotte contenenti manoscritti, ma non se ne trovano altre.

Con la raffica di scoperte di manoscritti, inclusi numerosi reperti risalenti alla ribellione di Bar Kokhba (132-136 EC), è naturale che risorgesse l'interesse per le rovine nei pressi delle grotte. Seguono sei stagioni di scavi a Khirbet Qumran tra il 1951 e il 1958 EC.

Bibliografia

Info traduttore

Giuseppe E. Bertagna
Owner of the translation agency GEB Traduzioni which provides services in localization and translation of various languages.

Cita questo lavoro

Stile APA

King, J. (2012, maggio 22). Rotoli del Mar Morto [Dead Sea Scrolls]. (G. E. Bertagna, Traduttore). World History Encyclopedia. Estratto da https://www.worldhistory.org/trans/it/1-10800/rotoli-del-mar-morto/

Stile CHICAGO

King, Justin. "Rotoli del Mar Morto." Tradotto da Giuseppe E. Bertagna. World History Encyclopedia. Modificato il maggio 22, 2012. https://www.worldhistory.org/trans/it/1-10800/rotoli-del-mar-morto/.

Stile MLA

King, Justin. "Rotoli del Mar Morto." Tradotto da Giuseppe E. Bertagna. World History Encyclopedia. World History Encyclopedia, 22 mag 2012. Web. 22 mag 2022.